Storie di amianto e di operai all’Isochimica di Avellino

Storie di amianto e di operai all’Isochimica di Avellino

28 aprile 2016

L’associazione Dialoghi per il futuro e L’Archivo Storico della Cgil di Avellino promuovono una iniziativa comune sul tema dell’amianto.

Sabato 30 aprile 2016 presso il Salone della Camera del Lavoro di Avellino, Via p. Paolo Manna, si terrà la presentazione del libro di Anselmo Botte “Il racconto giusto. Storie di amianto e di operai all’Isochimica di Avellino”, edito da Ediesse. Durante l’incontro sarà presentato, sul tema del recupero della memoria storica del movimento operaio, anche un audiovisivo del Gruppo Operaio e Zèzi di Pomigliano d’Arco su una iniziativa da loro realizzata contro l’amianto del gennaio 1980 che impedì la realizzazione di una fabbrica di amianto nel comune di Siano in provincia di Salerno.

L’incontro sarà introdotto e coordinato da Mimmo Limongiello, dell’Associazione Dialoghi per il futuro. Interverranno Gianni Marino, dell’Archivio Storico della CGIL. Il libro sarà presentato da Giovanni Sarubbi ,direttore del periodico Il Dialogo (www.ildialogo.org). Sarà presente l’autore Anselmo Botte.

L’ultimo libro di Anselmo Botte raccoglie le testimonianze degli operai coinvolti nella drammatica vicenda dell’Isochimica di Avellino, l’azienda di Elio Graziano, che tra il 1983 e il 1988 realizzò la più grande bonifica da amianto in Europa scoibentando tremila vagoni ferroviari. “Hanno lavorato per anni senza nessuna protezione, un fazzoletto sul naso come i banditi del farwest, e oggi, dopo trent’anni fanno i conti col mesotelioma da asbesto, un male che attende con pazienza le sue vittime. L’assenza assoluta di protezioni, la colpevole reticenza delle istituzioni ha gettato nel terrore la vita di centinaia di lavoratori, quindici sono già morti, gli altri aspettano; ha contaminato e continua a contaminare il Rione Ferrovia”. Ma il racconto di questi lavoratori ripercorre anche la storia dell’Irpinia devastata dal terremoto del 1980, diventata terra di conquista per un capitalismo di rapina, spietato e criminale.
“La rabbia di essere stati ingannati una volta si unisce alla voglia di giustizia che ogni giorno spinge questi lavoratori a chiedere alla società di riparare alla crudeltà della quale si è resa responsabile”. Durante l’incontro sarà presentato un audiovisivo del Gruppo Operaio e Zèzi di Pomigliano d’Arco su una iniziativa da loro realizzata nel gennaio 1980 che impedì la realizzazione di una fabbrica di amianto nel comune di Siano in provincia di Salerno.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.