Stazione Hirpinia, Morano plaude a Biancardi: “Ponte tra territori e Governo centrale”

Stazione Hirpinia, Morano plaude a Biancardi: “Ponte tra territori e Governo centrale”

10 novembre 2018

“L’incontro promosso dal neo eletto Presidente della Provincia Mimmo Biancardi, tra i sindaci della Valle Ufita e il parlamentare leghista Gianluca Cantalamessa, tenutosi ieri a Palazzo Caracciolo, dimostra la grande capacità di interlocuzione di questa amministrazione”. Sabino Morano, leader di Primavera Irpinia ed esponente di spicco del partito di Matteo Salvini in Irpinia, parla con soddisfazione dell’incontro tenutosi ieri pomeriggio nella Sala Grasso della Provincia.

Morano è stato tra i più convinti sponsor della candidatura e conseguente elezione del sindaco di Avella al vertice dell’Ente di Piazza Libertà. “La Provincia – continua – ha saputo fare da ponte tra territorio e Governo nazionale con mirabile tempismo, confermando quello che avevamo sempre pensato del neo presidente, che si dimostra, da subito, su questo primo banco di prova, persona capace di interloquire a trecentosessanta gradi in maniera libera da qualsiasi condizionamento dettato da appartenenze partitiche nel mero interesse dell’Irpinia e della sua gente.

Questo è quello di cui quest’Ente ha bisogno – continua Morano – una figura capace di andare oltre il ruolo di semplice amministratore ergendosi a “leader politico” di un intero territorio e latore delle sue istanze”.

La Lega, dal canto suo, ha saputo immediatamente raccogliere l’invito del presidente Biancardi, confermandosi – come sostenuto dal già candidato sindaco di Avellino – quel partito attento e puntuale che anche in Campania, grazie all’impegno costante dei suoi parlamentari e del suo coordinatore regionale, inizia a essere riconosciuto come principale forza politica di riferimento per la gente.

“Le infrastrutture – aggiunge infine Morano – sono fondamentali per lo sviluppo dell’intero Paese e in particolare per quello delle aree interne del Mezzogiorno. La Lega, attraverso la sua salda presenza nel Governo, garantisce un argine sicuro rispetto a certe frequenti “scivolate” in tal senso degli alleati pentastellati. Il nostro partito in Irpinia si batterà fino allo stremo delle forze per difendere la Stazione Hirpinia e le infrastrutture tutte, che rappresentano il futuro per la nostra provincia”.