Stadio, la resa di Taccone: chiesta la risoluzione della convenzione

Stadio, la resa di Taccone: chiesta la risoluzione della convenzione

7 novembre 2018

In una lettera indirizzata al sindaco Vincenzo Ciampi, al dirigente del settore Patrimonio Luigi Cicalese e alla Calcio Avellino SSD, Walter Taccone ha esternato la sua volontà di lasciare il Partenio-Lombardi. Un’intenzione già nell’aria da ieri e che agevolerà le operazioni di ritorno a casa della SSD di Gianandrea De Cesare a partire dal match di sabato con il Castiadas. E’ la resa di Walter Taccone stanco di battagliare dopo averlo fatto nelle aule dei tribunali sportivi e non.

“Faccio seguito agli incontri di recente tenutisi per risolvere la questione relativa all’utilizzo dello  Stadio Partenio-Lombardi e, a conferma di quanto già dichiarato in tali sedi, Vi significo, anche con la presente, la volontà di risolvere la convenzione stipulata il 20.6.2013 tra il Comune di Avellino e la U.S. Avellino 1912 s.r.l. e Vi invito a farmi conoscere le modalità, tempi e forme per la sua formalizzazione, nonché a predisporre tutti i necessari atti nel più breve tempo possibile” si legge nella missiva a firma di Walter Taccone.

“Preme al sottoscritto precisare che la presente formale comunicazione si rende doverosa, nell’ottica della massima collaborazione e nel rispetto della tifoseria, per svincolare l’Ente dai limiti previsti dalla convenzione e consentire da subito l’utilizzo dello Stadio alla Calcio Avellino s.s.d. a condizioni diverse da quelle previste dalla convenzione. A ciò non sarà di ostacolo la presenza nell’impianto sportivo di beni, impianti, materiali, arredi ed  attrezzature di proprietà della U. S. Avellino 1912 s.r.l.. Essi, infatti, potranno essere utilizzati dalla Calcio Avellino s.s.d., del tutto gratuitamente e con modalità che verranno concordate direttamente con la stessa, sino a quando essa renderà note le proprie determinazioni sul destino di tali beni.

Cosa che, come assicurato al sottoscritto direttamente dal Presidente Mauriello, avverrà entro la fine del corrente anno, in maniera che, ove non vi fosse l’interesse a trattenerli, si potrà, senza creare ostacoli alle attività sportive, procedere al loro asporto durante la sosta invernale dei campionati, eccezion fatta, naturalmente, per il manto in sintetico che, invece, sarà disponibile, sempre gratuitamente, per la società subentrante sino al termine della stagione sportiva, quando la Calcio Avellino SSD dovrà comunicare al sottoscritto le sue determinazioni anche in relazione a tale bene”.

Ci sarà dunque tutto il tempo per ridiscutere di questioni in vista di accordi definitivi tra le due società. Ciò che importa ora è che il club targato Sidigas possa tornare al Partenio-Lombardi (probabilmente a partire da domani) dove disputare l’intero campionato senza altri intoppi burocratici e querelle. Nelle prossime ore si lavorerà con il Comune per la deroga utile a disputare nell’impianto cittadino il match di sabato con il Castiadas.