Spot nell’Anfiteatro Romano di Avella: l’iniziativa dello ‘Scoca’

17 maggio 2008

La sede coordinata dell’Istituto Professionale “Scoca” di Avella si apre al territorio attraverso la realizzazione di immagini filmate e foto per la realizzazione di spot televisivi nell’Anfiteatro Romano di Avella. L’istituto Professionale mette insieme giovani allievi e Amministrazione Comunale, Sovrintendenza Archeologica, Pro Loco, storici locali e volontari del servizio civile nazionale.
Il progetto, che vede coinvolti gli allievi delle classi 3, 4 e 5 G del corso turistico, ha come obiettivo la conoscenza dei mezzi di promozione nell’ambito del marketing, tra cui gli spot televisivi .
Le scene sono state realizzate nelle classi e nell’Anfiteatro Romano di Avella, tra i siti archeologici più importanti della provincia di Avellino insieme a quelli di Atripalda, Mirabella Eclano, Rocca San Felice e Conza della Campania. Il progetto, approvato dal Collegio dei Docenti della Sede IPSSCT “S.Scoca”di Avellino, ha avuto come promotori il Dirigente Scolastico prof.ssa Ferraro Caruso Carolina e i docenti della sede coordinata di Avella.
Oltre agli allievi che per l’occasione hanno indossato i costumi dell’epoca, hanno partecipato infatti le autorità locali e le due pro loco di Avella, e quella di Baiano. Il sindaco di Avella, Domenico Salvi con la sua presenza ha incoraggiato gli allievi dello Scoca a continuare su questa strada per valorizzare le bellezze archeologiche e turistiche di Avella. La scuola può dare un grande contributo a conoscere e far conoscere le emergenze turistiche del territorio.
Molto apprezzato il contributo di Pietro Luciano, presidente della Pro loco, impegnato da anni nella valorizzazione dei siti archeologici locali e di Nicola Luciano, presidente della pro loco Aeclanis molto attivo nel coinvolgimento degli operatori turistici locali.
Puntuale il contributo culturale dello storico locale Nicola Montanile che con rigore ha raccontato lo svolgimento dei giochi all’interno dell’arena.
Le riprese filmate sono iniziate in classe: mentre il docente spiegava la lezione sull’anfiteatro romano di Avella, gli allievi andavano con la mente nel passato e si ritrovavano nell’anfiteatro romano vestiti con i costumi dell’epoca messi a disposizione dalla pro loco di Taurano.
Un’altra scena particolare, che tende a riprodurre quella inventata dal regista di Werner Herzog, è quella che riprende i soldati romani che combattono nell’anfiteatro romano e all’improvviso uno di loro sente lo squillo del telefonino e risponde riportando gli stessi nell’epoca attuale.
Soddisfazione viene espressa dai docenti che hanno ideato e realizzato il progetto, Maria Aschettino, Sergio Farina e Giuseppe Silvestri, che concordemente hanno intenzione di riproporre per l’anno scolastico prossimo il progetto.
Infatti, tramite questa sperimentazione i giovani allievi hanno potuto meglio comprendere uno degli elementi del marketing mix, quale lo spot televisivo, e contemporaneamente hanno potuto maggiormente acquisire l’importanza culturale e turistica delle risorse del territorio. L’Anfiteatro di Avella è un bene inestimabile.
Il dirigente scolastico, Carolina Ferraro Caruso ha ringraziato i docenti e gli allievi della sede coordinata dell’Istituto Professionale “S.Scoca”, le autorità locali (sindaco, associazioni pro loco) con l’augurio di rinnovare l’esperienza anche con il contributo degli alunni della sede centrale di Avellino.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.