Spaccio di ‘coca’, in carcere due 40enni di Monteforte e Contrada

11 dicembre 2013

Avellino – Due quarantenni, un uomo ed una donna residenti tra i Comuni di Monteforte Irpino e Contrada, sono finiti in manette perchè ritenuti responsabili in concorso del reato di spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare “cocaina”. I due, avvalendosi della “copertura” fornita dall’attività commerciale svolta dalla donna, avevano posto in essere una fiorente piazza di spaccio nel capoluogo irpino che si rivolgeva ad una clientela piuttosto trasversale, toccando svariate fasce d’età. I militari operanti, dopo una lunga attività tecnica durata alcuni mesi e dopo molteplici servizi di osservazione, pedinamento e controllo, sono riusciti non solo a recuperare sugli acquirenti, in più occasioni, la sostanza stupefacente – che veniva generalmente celata dietro appellativi divenuti ormai “classici”, quali “birre” o “caffè” – ma anche ad acquisire a carico degli indagati un quadro indiziario ritenuto adeguato dal Gip in sede. L’operazione in esame rappresenta l’ennesima dimostrazione dell’impegno nell’incessante azione di contrasto all’uso, alla detenzione ed allo spaccio di sostanze stupefacenti in città, che costituisce una priorità assoluta nell’ambito delle attività poste in essere dai Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino.