Sosta selvaggia davanti alla Città Ospedaliera: videosorveglianza per il percorso dei bus

Sosta selvaggia davanti alla Città Ospedaliera: videosorveglianza per il percorso dei bus

18 novembre 2016

A causa dello scarso senso civico di alcuni cittadini che parcheggiano i propri autoveicoli fuori dalle aree appositamente riservate, si è corso il rischio che la Cti-Ati A.ir. Autoservizi irpini si vedesse costretta a sopprimere il servizio di fermate dei bus urbani davanti alla Città Ospedaliera, in quanto le vetture in sosta selvaggia impedivano ai mezzi di trasporto urbano un’agevole manovra di entrata e uscita dalla zona ospedaliera.

Il servizio, invece, continuerà regolarmente a essere effettuato, grazie a un’intesa raggiunta ad horas tra Azienda ospedaliera “San Giuseppe Moscati” e Cti-Ati e alla disponibilità a collaborare da parte della Cosmopol.

Consapevole della validità e dell’importanza del servizio attivato circa un mese fa per favorire l’accesso al nosocomio da parte degli utenti, in particolare anziani e disabili, e per cercare di risolvere le problematiche sollevate dagli autisti dei bus, la direzione strategica dell’Azienda “Moscati” sta provvedendo in queste ore a far installare un sistema di videosorveglianza in tutta l’area antistante al plesso di contrada Amoretta.

Già a partire da lunedì prossimo, 21 novembre, saranno attivate le telecamere, che, collegate alla centrale operativa della Cosmopol, consentiranno un costante monitoraggio del percorso degli autobus nell’area ospedaliera.

Nel caso in cui il personale di vigilanza dovesse riscontrare che qualche automobilista si stia accingendo a parcheggiare il proprio autoveicolo in zone interdette alla sosta, interverrà immediatamente per far spostare la vettura.