Sondaggio di consenso: Province, all’undicesimo posto la De Simone

12 dicembre 2005

Fare il sindaco, il presidente della provincia o il governatore si rivela sempre più difficile; così sembra, a giudicare dal calo di popolarità di molti rappresentanti istituzionali dopo le “luci” del giorno delle elezioni. Secondo un sondaggio realizzato per Il Sole-24 ore apparso oggi sul consenso che i vertici delle amministrazioni riceverebbero, emerge che il gradimento per la maggioranza degli esponenti politici è in frenata, fatta eccezione per alcuni, come il sindaco di Roma Veltroni, il presidente della provincia di Parma o il presidente della Calabria Loiero. Nelle Regioni aumenta la popolarità solo di quattro governatori su 18, nelle province crescono 20 presidenti su 85 e fra i primi cittadini consolidano la loro posizione 25 sindaci su 75. Un buon risultato è rappresentato dal posizionamento del Presidente della Provincia di Avellino Alberta De Simone che, su 105 province riscontrate si attesta all’undicesimo posto. Nonostante una differenza del 10,1% in meno rispetto al consenso ottenuto del 68,1%, il gradimento della Provincia di Avellino tra i cittadini rimane ancora alto e superiore alla media nazionale. Per quanto riguarda le altre province campane, c’è da registrare il 24mo posto per Alessandro De Franciscis presidente della Provincia di Caserta con un + 3,1% (consensi nel giorno dell’elezione 52,3%), il 25mo ex aequo con altri Enti della Provincia di Benevento (Carmine Nardone) che perde il 18,6% rispetto al 73,6% dei consensi ottenuti dall’elezione. Al 38mo posto Dino Di Palma (Provincia di Napoli) che perde il 7,5% rispetto al 61,5% ottenuto il giorno delle elezioni ed infine, al 79mo posto la Provincia di Salerno (presidente Angelo Villani) con il -3,9% rispetto ai dati del 52,1% ottenuti durante il giorno dell’elezione


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.