Solofra – Successo per la poetessa Ronca a Palazzo Orsini

12 novembre 2012

Solofra – Grande successo a Solofra a Palazzo Orsini della poetessa Maria Ronca per la serata a tema “Radici”, di scena la musica del bravo cantautore irpino, Geni, che ha regalato al pubblico momenti magici, un plauso alla cornice creata dallo straordinario maestro d’arte Marcaurelio Iacolino e alle opere della poetessa Paola De Lorenzo Ronca. Erano presenti gli assessori D’Onofrio Pasquale e Pisano Gabriele, la consigliera di Parità Domenica Lomazzo, la critica Angela Furcas, tutto moderato dal bravo giornalista Fiore Carullo. Le poesie sono state declamate dai poeti: Sonia De Francesco, Giovanni Moschella, Paola De Lorenzo, Sofia Iacobucci, Lucia Gaeta e Clemente Cosimo che hanno dato grande importanza alla donna e alle proprie origini. Ognuno di noi è legato alle radici, alla storia, alla terra; un legame imprescindibile. Possiamo cambiare luogo, paese, ma le origini, la cultura vivono, viaggiano con noi, non possiamo prescindere da ciò che siamo. Il senso di appartenenza cresce e si mescola con le tradizioni che non abbandonano, non smentiscono intrisi di orgoglio e fierezza non desideriamo lasciare la terra e la casa; allora il viaggio nei luoghi dell’infanzia e della fanciullezza divengono l’occasione per ricordare chi siamo e cosa desideriamo per il futuro.
Gli antenati sono il nostro sigillo, la testimonianza della continuità del passato con il presente e il futuro. Gregorio mio ascendente, nutrito di ideali di libertà e di patria continuerà a vivere nella memoria dei Solofrani e Avellinesi con le sue gesta eroiche di marinaio e le sue importanti invenzioni, ricordiamo “Tiro alla Ronca”, “Il proiettore manovrabile” (l’attuale telecomando). Ha lasciato un’impronta indelebile della sua intelligenza e dato un contributo alla Marina Italiana.
I sognatori hanno un obiettivo: immaginare un mondo sempre bello per trarre bellezza, speranza, opportunità. La crisi di valori é un’opportunità per ribadire che c’è bisogno di tornare alle origini, alle proprie vocazioni territoriali per superare questo delicato momento e di rispondere celermente alle esigenze nuove. Un tuffo nei luoghi della storia e dell’identità che lega cultura e territorio, intreccia destino e vissuto; quello della poetessa Maria Ronca con il suo libro “Musica e Poesia” per rivivere l’emozione del profondo e indissolubile legame tra l’uomo e la terra.