Sirignano – Amministrative: si muove solo An

5 marzo 2006

Sirignano – Ancora nessuna ‘manovra’ elettorale, nessun input che faccia vibrare l’atmosfera politica sirignanese. Le forze di opposizione, quelle che dovranno sfidare la lista ‘Il Castello’ del decaduto sindaco Antonio Napolitano, sembra siano ancora impantanate alla fase iniziale della formazione della compagine da mettere in campo. Nonostante il fermento mostrato all’indomani della caduta del primo cittadino, sembra che adesso ogni preparativo sia in un momento di stasi. Subito dopo la sentenza che ha visto condannare il sindaco Napolitano a tre anni e mezzo di reclusione per la cosiddetta ‘falsa alluvione’, il clima politico è parso immediatamente più sereno. Minoranza e altre forze partitiche, infatti, hanno cercato di rimettere in sesto la macchina amministrativa malgrado l’incombenza dello spettro del commissariamento. Stando alle ultime notizie, oltre alla detenzione per l’ex numero uno, si aggiunge anche l’impossibilità di riproporre la propria candidatura essendo alla fine del terzo mandato. L’uscente maggioranza, dovrà quindi, farsi carico della responsabilità di indicare il nome di un nuovo leader. Da indiscrezioni sempre più attendibili gli aspiranti sostituti di Napolitano sembrano identificarsi in Raffaele Colucci e Francesca Napolitano. Unica certezza, al momento, è la partecipazione della squadra messa in campo da Alleanza Nazionale. La locale sezione di An, infatti, cerca di vivacizzare la assopita competizione, ufficializzando la propria formazione da contrapporre alla lista ‘Il Castello’. In occasione degli ultimi incontri con la cittadinanza e i rappresentanti partitici, il presidente Michele Napolitano, ha delineato le prime osservazioni di programma in vista all’imminente appuntamento primaverile. Tra le novità lanciate dal massimo esponente del circolo di An, la possibilità di allearsi al gruppo di minoranza. Ma dal fronte ‘Sirignano duemila’, l’opposizione non pare abbia colto l’invito. E intanto, in un clima di attesa e ufficializzazioni mancate, il rebus da risolvere sui potenziali candidati resta ancora da sciogliere. (di Marianna Marrazzo)