Simula il furto per non depositare il ciclomotore sottoposto a fermo: scoperto e denunciato

Simula il furto per non depositare il ciclomotore sottoposto a fermo: scoperto e denunciato

1 Novembre 2019

I Carabinieri della Stazione di Ospedaletto d’Alpinolo hanno denunciato alla competente Autorità Giudiziaria un trentenne della provincia di Salerno, ritenuto responsabile di “Sottrazione o distruzione di cose sottoposte a sequestro”, “Violazione colposa di doveri inerenti la custodia di cose sottoposte a sequestro” e “Simulazione di reato”.

Nell’estate del 2018 il predetto è stato fermato dai Carabinieri del citato Comando alla guida del suo ciclomotore sprovvisto di assicurazione. Qualche giorno fa, intimatogli di depositare il mezzo (sottoposto a fermo amministrativo da oltre un anno) per la confisca, questi ha dichiarato di averlo trasferito in un luogo diverso da quello prestabilito, da dove qualche mese fa ignoti lo hanno rubato.

Nello sviluppo dell’attività sono emersi alcuni elementi sufficienti ad instillare il germe del dubbio circa la veridicità di quanto denunciato.

Alla luce di quanto emerso nel corso dell’indagine, a carico del trentenne è scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino per i reati di cui agli articoli 334, 335 e 367 del Codice Penale.