Simula il furto della sua auto: sessantenne di Paternopoli nei guai

Simula il furto della sua auto: sessantenne di Paternopoli nei guai

19 gennaio 2019

Simulazione di reato e Sottrazione o distruzione di cose sottoposte a sequestro: responsabile un sessantenne di Paternopoli denunciato dai carabinieri del posto.

Qualche giorno fa l’uomo si era presentato presso il comando dei carabinieri denunciando il furto dell’auto, ma avviate le indagini, i militari si sono insospettiti.

Passati al setaccio i filmati acquisiti dagli impianti di videosorveglianza, i militari hanno seguito due piste: una sempre tendente alla ricerca del veicolo rubato e dei responsabili del furto, mentre l’altra a quel punto orientata ad accertare la fondatezza dei fatti denunciati.

Riconvocato il denunciante per una doverosa integrazione e postolo di fronte alle incongruenze emerse nel corso delle indagini, a questi non restava che ammettere di aver inscenato il furto di quell’autovettura irregolarmente rottamata mesi addietro, pur consapevole che la stessa fosse gravata da provvedimento di fermo amministrativo.

Alla luce delle evidenze emerse, a carico del 60enne è dunque scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino per i reati di cui agli artt. 367 e 334 del Codice Penale.