Silvestri(Pdl): nessuna complicità con sindaco, solo scelte coerenti

26 novembre 2010

Avellino – Continua la bagarre tra PdL e UdC sulla questione ‘Gesualdo’, dopo l’elezione di Luca Cipriano a Presidente del Cda.
La parola ora passa ad Adelchi Silvestri, vice presidente della Commissione Cultura del Comune: “Trovo molto gravi le affermazioni contenute nel comunicato del gruppo consiliare dell’Udc in cui si falsa la realtà, per questo ritengo necessario fare chiarezza una volta per tutte. Leggo che Pdl e Udc sono di nuovo a ferri corti – dice Silvestri – non è questione di dissapori. Noi siamo pronti a fare una opposizione costruttiva tenendo compatta la minoranza in nome dell’alleanza che ci ha portato in consiglio, ma è proprio qualche consigliere dell’Udc che dimentica i patti che ci vedono schierati dallo stesso lato del Consiglio Comunale. Un esempio è il disastro che si è consumato quando per l’ennesima volta non si è approvata la fondazione della consulta Giovanile, questo grazie alla opposizione insensata di un consigliere Udc. Noi la opposizione la intendiamo in un altro modo, vogliamo sia sempre fatta in nome del bene della città e non per assolvere alla realizzazione di interessi personali, insomma a noi non interessa il mero esercizio del potere. Per questo non possiamo più sottostare alle prevaricazioni ed alle imposizioni di un gruppo consiliare come quello dell’Udc che scatena il putiferio perché non si risponde in maniera positiva ad una loro imposizione. Ricordiamo che da sempre la minoranza è stata compatta sul nome di Carmine Santaniello come consigliere di opposizione nel Cda del Teatro Comunale. All’ultimo momento l’Udc ha voluto imporre il nome di Pino Freda, una candidatura inaccettabile, non certo per il valore della persona, un caro amico a cui va tutta la mia stima, ma per il modo in cui è stata avanzata, ovvero senza che si potesse discutere, senza condivisione collegiale. Per questo non leggo come sopruso il fatto che il sindaco Galasso non abbia voluto concedere una proroga, in fondo la terna di nomi era stata fornita, ha ritenuto sufficienti quei tre nomi per decidere ed ha deciso per il bene del Teatro, premiando l’esperienza. Insomma per una volta che il sindaco Galasso agisce per il bene della città non è il caso di reagire con una levata di scudi. Soprattutto trovo di cattivo gusto insinuare l’idea che questa decisione possa ripercuotersi sugli equilibri di altri enti, è una atteggiamento ricattatorio inaccertabile. Invito l’Udc a valutare la decisione del sindaco per quella che è, ovvero una scelta democratica e ragionata. Non voglio nemmeno commentare le osservazioni sui numeri della opposizione. Il peso di un gruppo consiliare non si gioca sul numero dei consiglieri, ma sulla validità delle proposte. Non dimentichiamo il buon lavoro fatto dal consigliere Santaniello in questi ultimi anni, per questo motivo lo abbiamo ricandidato, per premiare il suo lavoro e dargli la possibilità di mettere la sua esperienza a servizio del Teatro e della città. Per questo non vogliamo faccia passi indietro, ma continui deciso sulla strada a servizio della buona politica. Auguro quindi un buon lavoro al nuovo Cda ed al Presidente Luca Cipriano, sicuro che la loro nomina apra un nuovo corso per il Comunale, con nuovi progetti e grandi successi”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.