Sicurezza, Cagnazzo: “Rete con i cittadini fondamentale per la prevenzione”

Sicurezza, Cagnazzo: “Rete con i cittadini fondamentale per la prevenzione”

10 dicembre 2018

“La sicurezza partecipata garantisce forme di prevenzione, come pure di previsione dei delitti”. Il Comandante provinciale dei Carabinieri, Massimo Cagnazzo, sottolineato l’importanza operativa dell’accordo sul controllo di vicinato. “Alle azioni individuali di tutela del patrimonio, grazie all’intesa con i Sindaci ed i Comandi di Polizia Municipale, i cittadini – mediante operatori formati allo scopo – affiancheranno le Forze di Polizia nell’osservazione del territorio, riducendo la percezione di isolamento nella gestione della sicurezza”.

L’intervento del Rappresentante della Guardia di Finanza, ha fatto leva sul senso civico dei cittadini da esplicarsi anche nel contrasto alle distorsioni fiscali. È noto come le sempre più ampie sacche di povertà incentivino i reati, sia predatori che tributari. “Le Forze di Polizia ed i cittadini non sono categorie contrapposte, bensì agenti collaborativi per la sicurezza, che è bene comune”.

Il Commissario straordinario del Comune di Avellino Giuseppe Priolo, primo firmatario del Protocollo, ha sottolineato il valore della sinergia istituzionale, nonché il senso di squadra, che l’intesa sancisce e rende operativa ed ha fatto riferimento al ruolo che il protocollo assegna alla Polizia Municipale, che diventa importante snodo per veicolare corrette segnalazioni alle Forze dell’ordine. In Italia, il controllo territoriale è efficace, tuttavia la sicurezza partecipata è un accrescimento per l’intera comunità urbana.