Sicuranza sull’esonero Nusco-Lioni: “Con me grandi risultati”

7 giugno 2013

Sono trascorsi sette lunghi mesi da quando le strade del Nusco-Lioni e di Salvatore Sicuranza si sono separate. Un divorzio difficile da mandare giù per il tecnico bisaccese, che ha atteso la chiusura dei giochi per rompere il silenzio. A bocce ferme, l’ex trainer blaugrana torna sull’esonero alla sesta giornata, circostanza che ha di fatto condizionato il cammino della squadra cara a patron Sergio Pisapia. “Come evidenziato a suo tempo dalla società – commenta Sicuranza – l’esonero non è dipeso dai risultati. Credo molto nel rispetto dei ruoli e in questo senso ci sono state delle divergenze. Anche se con un pizzico di amarezza, ho accettato la decisione. Non nutro alcun rancore, anzi ho conservato buoni rapporti col presidente Pisapia e con tutta la dirigenza”. Il rammarico è di non aver portato a termine un campionato che, stando alle premesse, avrebbe potuto essere davvero esaltante. “Al momento dell’esonero – continua l’ex tecnico blaugrana – la squadra era a due punti dalla prima e aveva dimostrato di poter competere con le grandi. Sono del parere che avremmo potuto ambire ad un posto nella medio-alta classifica e fare meglio dell’anno precedente, che a livello professionale ritengo essere stato davvero gratificante”. Ora è tempo di guardare avanti e di tuffarsi in una nuova avventura. Diverse società di Prima Categoria con ambizioni di ripescaggio lo hanno messo in cima alla lista dei papabili. “Ho avuto qualche contatto – ammette – ma preferisco attendere e valutare con serenità tutte le proposte. Prenderò in considerazione quelle dove ci sono programmazione e organizzazione. Componenti sempre più rare nel calcio di oggi”.
Qui Calcio Minore