Sibilia:”Nessun margine di ricomposizione con chi utilizza menzogna”

10 dicembre 2013

Lapidario, non usa giri di parole. Cosimo Sibilia contattato telefonicamente va al nocciolo della questione sulla querelle intentata dai due consiglieri regionali. “Fa piacere che il capogruppo in Regione Gennaro Nocera ha ristabilito la verità dei fatti. Ed ora si ritrova a dover subire attacchi personali. Credo che non ci siano margini di ricomposizione con i due. Non si può discutere con chi utilizza la menzogna”. Intanto è in corso la costruzione della nuova Forza Italia. “Aspettiamo la convocazione del presidente Berlusconi per iniziare ad essere operativi sul territorio. L’incontro che abbiamo tenuto ad Avellino la settimana scorsa era di preparazione. La comunicazione è avvenuta, l’incontro è stato concordato con il senatore Nitto Palma, poi ognuno ha preso le proprie decisioni, di partecipare o meno. Io sono abituato a stare tra la gente, ho sempre coltivato il mio consenso ascoltando i cittadini e promuovendone le istanze. La mia storia la conoscono tutti e con l’impegno di sempre continuerò ad essere al fianco dei bisogni dell’Irpinia. Ho sempre prediletto le ragioni del popolo ( battaglia della discarica, in difesa dell’acqua e del capoluogo) a quelle della mia parte politica, anche quando non mi sarebbe convenuto. Basta rileggere la storia, c’è testimonianza di quel che dico. Non mi piace dire bugie, perché l’elettore non deve essere preso in giro”. ”. E sulla critica dell’aver depotenziato l’ex Pdl ad Avellino, Sibilia spiega: “Se non intervenivo non si presentava neanche la lista al Comune. Chi mi accusa di verticismo è in malafede”.