C siamo anche noi: l’insolita domenica dei tifosi di Rocca Priora

C siamo anche noi: l’insolita domenica dei tifosi di Rocca Priora

6 maggio 2019

di Claudio De Vito – Latina off-limits? Nessun problema, cinquanta chilometri più su la soluzione per un gruppo di tifosi dell’Avellino che hanno deciso di “marcare” stretto il Lanusei incitando allo stesso tempo la Lupa Roma già in Eccellenza. Sugli spalti di Rocca Priora hanno assaporato la gioia della promozione in C poi svanita nei minuti di recupero.

Una trentina i sostenitori del lupo che hanno raggiunto non soltanto dall’Irpinia la cittadina laziale già espugnata dalla squadra di Giovanni Bucaro prima di Pasqua. Si sono dati appuntamento tutti insieme naturalmente con le antenne rivolte a quanto accadeva al “Francioni” e con tanto di sciarpe biancoverdi al collo. Chiare le intenzioni: gufare i sardi sostenendo le giovani leve di Marco Amelia.

Che ad un certo punto erano anche riuscite nell’impresa di fermare la formazione di Aldo Gardini. Capitan Ladu aveva messo la firma sul vantaggio del Lanusei, poi il pareggio di Alonzi già a segno contro i lupi. Lo stallo sul pari si è protratto fino al terzo minuto di recupero quando Floris ha spedito in porta il pallone del 2-1 ospite.

Gioia incontenibile tra i tifosi biancorossoverdi, delusione per quelli irpini che già pregustavano il salto di categoria. Serie C rimandata allo spareggio di domenica prossima e qualche scaramuccia verbale a fine gara con calciatori e sostenitori avversari. Ci si ritroverà nel confronto diretto, ma in tutt’altro clima: sarà campo neutro – probabilmente Rieti – soltanto sulla carta.