Si apre il Festival “Contaminazioni Jazz 2014”

21 luglio 2014

Stasera si apre il Festival “Contaminazioni Jazz 2014” è alla terza edizione. La manifestazione prodotto e realizzata dal Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino, con la direzione artistica del docente del Dipartimento di jazz del conservatorio M° Pino Jodice, dopo il successo delle precedenti edizioni, è stata fortemente voluta dal Presidente Nicola Battista e dal Direttore Carmine Santaniello. “Il Jazz nell’audiovisivo” è il tema di quest’edizione. Nelle tre serate si alterneranno grandi nomi del jazz italiano e i concerti saranno sempre preceduti dall’esibizione degli allievi più meritevoli delle classi di jazz del conservatorio. Alle 21,30 la prima serata vedrà protagonista Ada Montellanico, una delle voci più significative del jazz italiano, in una serie di standards jazzistici famosissimi che hanno fatto parte delle più belle colonne sonore dei films della storia del cinema. Presenti anche il batterista Sergio Di Natale, che terrà nella mattinata un seminario sulla batteria aperto a tutti, il chitarrista jazz Lucio Ferrara, Giuliana Soscia ,Pino Jodice, Francesco Angiuli. Domani sera 22 luglio, invece, sempre alle 21,30 vedrà protagonista il sassofonista Maurizio Giammarco, uno dei jazzisti più importanti ed apprezzati sia in Italia che all’estero, che terrà nella mattinata del 22 luglio anche un interessante seminario sull’improvvisazione jazzistica aperto a tutti fino ad esaurimento posti. Il tema del concerto sarà dedicato al grande cinema di due importanti nomi Ennio Morricone e John Williams che sicuramente rappresentano la massima espressione in campo cinematografico in relazione alle colonne sonore. Oltre la presenza di Maurizio Giammarco, il quartetto d’archi campano Onda Nueve String Quartet, il trombettista Matteo Franza, l’organico completato da Pino Jodice, Giuliana Soscia, Francesco Angiuli e Sergio Di Natale. L’ultima serata del 23 luglio, alla stessa ora, vedrà protagonisti Giuliana Soscia & Pino Jodice con il loro ultimo progetto dal Cd “Sonata per luna crescente” jazz for two keydoards, considerato dalla critica uno dei dischi di jazz più apprezzati dell’anno 2014. Durante il concerto verranno proiettate le immagini di alcune tra le più significative opere pittoriche di Normanno Soscia che si è spesso ispirato alla stessa Giuliana Soscia in alcuni suoi lavori pittorici. La fisarmonicista jazz Giuliana Soscia da diversi anni impegnata a diffonde l’utilizzo della fisarmonica nel jazz e a sensibilizzare le istituzioni affinchè possano includere didatticamente nei Conservatori italiani la fisarmonica jazz ancora mancante, è una delle fisarmoniciste jazz più apprezzate nel panorama jazzistico italiano. Accanto a lei Pino Jodice, che oltre ad essere un eccellente pianista jazz è uno dei compositori ed arrangiatori italiani più apprezzati nel panorama jazzistico internazionale. Saranno presenti anche il contrabbassista Francesco Angiuli, che da anni collabora con loro e il batterista Sergio Di Natale.