Shopping online, come acquistare in sicurezza sul web

Shopping online, come acquistare in sicurezza sul web

6 settembre 2016

Sempre più persone, e sempre più spesso, si affidano al web per effettuare acquisti e scambi. Peccato che, insieme ai tanti negozi online che consentono agli utenti di risparmiare, ne esistano altrettanti che sono nati con un solo scopo: fregare i soldi degli utenti e arricchirsi alle loro spalle. Proponendo prodotti a prezzi molto bassi e allettanti, infatti, molti negozi sottraggono denaro agli utenti, con la promessa di spedire un qualche prodotto che in realtà non arriverà mai. Acquistando online, infatti, si può risparmiare parecchio rispetto a un negozio fisico, considerando il fatto che i costi di gestione e manutenzione vengono meno, ma i rischi di truffa aumentano esponenzialmente. Non sempre, però, l’occasione si trova sugli store noti e, conoscendo la natura di alcuni portali molto più easy, è importante imparare a capire se un sito, negozio online o addirittura un piccolo rivenditore sia sicuro per evitare di incappare in truffe ed affari “mal riusciti”. Verificare l’affidabilità di un sito di e-commerce non è così immediato, poiché – come è giusto che sia nel ramo del marketing – ognuno tende a tirare acqua al proprio mulino elogiandosi spesso più del dovuto.

Quando si vuole comprare qualcosa su Internet, ad esempio per cercare vestiti scontati, scarpe a prezzi molto più bassi o altro, si possono trovare molti siti di shopping online, spesso con sconti clamorosi. Sono siti buoni oppure soltanto un inganno per catturare dati delle carte di credito o semplicemente per farsi dare soldi senza poi spedire nulla? Sono molti i siti web truffa che si trovano facilmente sul motore di ricerca Google quando si cerca un marchio o un prodotti seguito dalla parola “economico”, “scontato”, “all’ingrosso”, “saldi” o altro. Spesso è davvero difficile riconoscere le pagine truffaldine: i siti web commerciali falsi, infatti, sono simili o anche più attraenti rispetto a qualsiasi altro legittimo sito di e-commerce, con una bella grafica, HTML buona, con tutti i marchi delle varie modalità di pagamento come le carte di credito, paypal e con loghi relativi a (finti) certificati di affidabilità.

C’è però un segnale inequivocabile, che indica chiaramente che ci si trova di fronte a un sito affidabile: il certificato SSL. Ma di cosa si tratta? È uno strumento per la criptare i dati sensibili immessi quando si effettua un pagamento e metterli così al sicuro da terzi “indiscreti”. La sua presenza è segnalata dalla dicitura “https” al posto della classica “http” nell’indirizzo di un sito. Ai nostri giorni, per i gestori di un negozio online, ancorché piccolo, un certificato SSL è diventato irrinunciabile. Chiunque ne abbia già acquistato uno, poi, è chiamato a verificarne periodicamente la validità, per poter offrire sempre agli utenti del proprio sito la massima sicurezza. Fortunatamente, in rete esistono strumenti di verifica gratuiti come quello di 1&1, che consentono di monitorare lo stato del proprio certificato SSL e, se necessario, di aggiornarlo.

Con alcuni piccoli accorgimenti, infine, è possibile schivare le truffe. Occhio quindi ai prezzi (diffidare da quelli eccessivamente bassi), verificare chi è il proprietario del sito web, analizzare il nome del dominio, verificare che sia scritto in lingua inglese o italiana corretta.

Seguendo questi pratici consigli, si ridurrà drasticamente il rischio di comprare online da siti truffa o di scaricare virus camuffati da software legittimi. Dunque occhi aperti e… buono shopping!


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.

Latests News

L’Avellino sbanda ancora: a Terni è una Caporetto. Rivivi il live

Live Libero Liberati, l’inviato Claudio De Vito – L’Avellino sfida la

26 marzo 2017

Scoperta discarica a cielo aperto a Grottolella, rischio Eternit

Nella giornata di sabato 25 marzo attraverso un attento sopralluogo

26 marzo 2017

Solofra, un flash mob per restituire alla città la piscina comunale

Si sono ritrovati davanti all’ingresso, chiuso, dell’ormai ex piscina comunale

26 marzo 2017