Sesso in tribunale, avvocati beccati in bagno

Sesso in tribunale, avvocati beccati in bagno

by 2 gennaio 2017

Marito e moglie, entrambi avvocati, ed entrambi “in servizio” presso il tribunale di Milano. Quando si sono incontrati deve essere scattato qualcosa visto che sono stati sorpresi da un magistrato mentre facevano sesso in un bagno del tribunale.

La toilette in questione è quella del quarto piano ammezzato, solitamente riservato agli uffici della Procura. A scoprire i due focosi amanti è stato un magistrato che, entrando in bagno per espletare bisogni corporali, è stato attirato da alcuni rumori che provenivano dall’interno di una toilette. I due avvocati hanno cercato di non farsi scoprire, fermando le effusioni ed evitando di fare ulteriore rumore.

Ma il magistrato ci ha voluto vedere chiaro e ha avvisato un maresciallo dei carabinieri.

Dalla fessura della porta, infatti, il pm poteva vedere due paia di scarpe: uno maschile e uno femminile. Il carabiniere ha bussato alla porta del bagno chiedendo ai due amanti di uscire per poi identificarli.

A quanto si apprende, si tratta di due quarantenni, marito e moglie, che da buoni avvocati hanno provato a difendersi di fronte al militare: “Mia moglie si è sentita male e stavo cercando di aiutarla”, avrebbe detto l’uomo. “Ho qui un certificato medico, vede, soffro di attacchi di nausea”, avrebbe aggiunto la moglie.

fonte: ilgiornale.it