Sequestro ex cava, Maraia: “La nostra Terra svenduta per colpa dell’inciucio tra PD e Forza Italia”

Sequestro ex cava, Maraia: “La nostra Terra svenduta per colpa dell’inciucio tra PD e Forza Italia”

13 febbraio 2018

“Terra di nessuno, Terra di conquista, Terra svenduta” definisce cosi il territorio di Ariano il candidato alla Camera dei Deputati Generoso Maraia in riferimento al rinvenimento di rifiuti tossici in località Tesoro.

Il candidato cinquestelle per la corsa uninominale del seggio Ariano-Alta Irpinia analizza la questione spiegando che: “Questo il risultato di chi ha annunciato le telecamere, della caccia al cittadino furbetto che depositava il sacchetto di rifiuti a fianco del bidone. Abbiamo più volte denunciato le tante mini discariche sparse sul territorio non solo Arianese”.

“Abbiamo più volte segnalato in tutta la Provincia di Avellino il sistema IrpiniAmbiente che prevede il porta a porta nei centri storici e la raccolta classica nelle periferie e nei centri rurali. Tale sistema – prosegue Maraia – ha prodotto mini discariche che agevolano chi vuole sversare rifiuti tossici. Abbiamo denunciato più volte questo scempio ma la Politica invece di intervenire ha continuato a formulare slogan e pubblicità per un sistema criminale”.

“Questo è il risultato dell’inciucio tra PD e Forza Italia in provincia, la loro è una politica finalizzata alla spartizione di potere e alle clientele. Per fortuna che anche ad Ariano resiste ancora un presidio di legalità . Cogliamo l’occasione per Ringraziare i Carabinieri di Ariano Irpino ai quali offriamo, come abbiamo sempre fatto, la nostra seria e vigile collaborazione”, conclude il candidato 5stelle.