Sentieristica, D’Amelio e Mortaruolo: “Soddisfatti per approvazione nostra legge”

Sentieristica, D’Amelio e Mortaruolo: “Soddisfatti per approvazione nostra legge”

16 dicembre 2016

Il Consiglio regionale della Campania ha approvato all’unanimità la proposta di legge regionale “Norme per la valorizzazione della sentieristica e della viabilità minore”.

Il testo, licenziato all’unanimità già in commissione Trasporti, è frutto del lavoro di sintesi delle proposte a iniziativa dei consiglieri regionali Rosetta D’Amelio e Erasmo Mortaruolo (PD) e del consigliere Alberico Gambino (Fdi).

“Ringrazio tutti i componenti della commissione – sottolinea Mortaruolo, relatore del testo in Aula – per aver esaminato e integrato una proposta di legge fondamentale per la nostra regione che, nell’ambito degli indirizzi definiti dalla legislazione comunitaria e nazionale, disciplina e promuove il recupero, la conservazione e la valorizzazione del nostro patrimonio ambientale.

Tra gli obiettivi, c’è dare un’accelerazione allo sviluppo del turismo. Uno straordinario segnale che parte dalla Campania anche in vista del 2017, indicato dalle Nazioni Unite come l’anno internazionale del turismo sostenibile”.

“Esprimo soddisfazione – dichiara la presidente del Consiglio regionale D’Amelio – per l’approvazione di una legge attesa da tempo da associazioni come CAI e WWF e che ha ottenuto il sostegno di tutta l’Assemblea, e ringrazio il consigliere Mortaruolo per il lavoro svolto.

Il testo promuove l’attività degli imprenditori interessati al recupero e alla manutenzione del patrimonio escursionistico regionale e favorisce l’azione delle diverse realtà associative che, a titolo volontaristico, operano per la sua valorizzazione. Inoltre, punta a favorire sinergie tra le realtà costiere e interne e prevede che tutti i mezzi di trasporto pubblico acquistati successivamente alla sua entrata in vigore, siano omologati per il trasporto delle biciclette”.

“Con questa legge – aggiunge il consigliere Mortaruolo – viene data grande attenzione alla viabilità minore e alla sentieristica attraverso l’individuazione di percorsi di interesse ambientale e storico, il recupero dei sentieri, delle mulattiere e dei tratturi valorizzando al contempo le infrastrutture collegate. Insomma, è un caleidoscopio di valorizzazione, promozione, programmazione e pianificazione, innovazione che rappresenta realmente un’opportunità per tutta la Campania”.

Tra i principali punti della legge figurano la costituzione e l’aggiornamento della Rete escursionistica campana; la presenza del Catasto regionale del patrimonio escursionistico istituito presso l’assessorato regionale competente in materia di economia montana e foreste; l’istituzione della Consulta regionale per il patrimonio escursionistico.