Sentenze pilotate, l’autore Tv lascia carcere

Sentenze pilotate, l’autore Tv lascia carcere

21 ottobre 2019

Arresti domiciliari per l’autore Rai avellinese coinvolto nell’inchiesta per le sentenze truccate. L’indagato è stato ascoltato in carcere dal gip Pietro Indinnimeo. E’ assistito dagli avvocati Giovanni Sofia e Valerio Spigarelli. Ha risposto a tutte le domande del magistrato, offrendo una versione dei fatti completamente diversa da quella ricostruita dagli inquirenti.
Il nome dell’autore televisivo – molto conosciuto in città anche per i suoi trascorsi nell’emittente TeleNostra – è stato accostato nei mesi scorsi alla direzione di Rai 1. Il suo nome sarebbe stato molto gradito alla Lega di Matteo Salvini. Tra l’altro l’indagato è stato autore del programma tv, La Prova del Cuoco, condotto da Elisa Isoardi, all’epoca fidanzata con l’ex Ministro dell’Interno
L’inchiesta Ground Zero ha suscitato molto scalpore. Anche perché mette in discussione l’operato dei giudici della sezione di Salerno della Corte Tributaria Regionale: sarebbero stati pronti ad aggiustare sentenze. Naturalmente in cambio di mazzette o favori personali.
L’indagine secondo indiscrezioni mira in alto. Ha coinvolto infatti anche un giudice, che è membro del Consiglio Nazionale della Giustizia Tributaria.
Nell’ordinanza gli inquirenti sostengono che il magistrato avrebbe più volte consegnato soldi al giudice Spanò per convincerlo a emettere sentenze favorevoli su alcuni procedimenti. In un caso la questione riguardava Enerimpianti, la società che detiene la maggioranza delle azione di Sidigas, il main sponsor dell’Avellino Calcio.
Anche l’indagato nei giorni scorsi ha ottenuto gli arresti domiciliari. Ha risposto a tutte le domande del gip. Smentendo di essere stato il “dominus” – come sostiene invece l’accusa – del sistema corruttivo. Oltre a negare con forza di essere il referente della Sidigas.