Senerchia, caso Dup: la replica del consigliere d’opposizione Mazzone

Senerchia, caso Dup: la replica del consigliere d’opposizione Mazzone

20 giugno 2018

Si riporta il comunicato del consigliere comunale d’opposizione al Comune di Senerchia, Claudio Mazzone, in risposta all’articolo “Senerchia, amministratori al contrattacco: “Quante falsità da Mazzone sul Dup”.

“Bertolt Brecht scrisse: “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia è un delinquente” è questa frase torna in mente davanti alla ridicola nota stampa con la quale la Maggioranza di Grillo prova a mistificare la realtà” afferma Claudio Mazzone capogruppo di Senerchia è Tempo di Futuro.

“Infatti Grillo e i suoi non scendono nel merito perché il DUP di Senerchia è stato davvero manomesso e provarlo è semplicissimo. Basta collegarsi alla sezione amministrazione trasparente del sito del comune di Senerchia e confrontare il DUP approvato in giunta il 23 marzo che è quello portato in consiglio il 27 aprile, con quello poi allegato alla delibera di consiglio comunale.

Sono diversi, quel documento è stato manomesso in altre sedi e da mani non autorizzate. Ora se il Sindaco Grillo al posto di minacciare denunce e ritorsioni, che non fanno paura a nessuno e che non mi faranno mai chinare il capo davanti alle ingiustizie, si concentrasse a difendersi nei tribunali e si adoperasse per il bene di Senerchia forse farebbe cosa giusta e potrebbe anche giustificare davanti ai senerchiesi i 6mila euro di indennità che si è assegnato.

Alla maggioranza dico che è da folli non ammettere la realtà ma è da bugiardi mistificarla e la realtà è questa: piaccia o meno quel DUP è stato falsificato e manomesso dopo che noi in consiglio comunale per ore avevamo sollevato questioni di merito. Con questi atteggiamenti si offende non solo il consiglio comunale e il processo democratico ma l’intera comunità. Il tempo per Grillo, per la sua approssimazione, per la sua incapacità e per le sue minacce e ritorsioni è scaduto e le farneticazioni di questi giorni lo dimostrano ancora più chiaramente” conclude Mazzone.