Scuole e strade sicure, 6 milioni per l’Irpinia. Di Giacomo (Ance): “Una grande occasione”

Scuole e strade sicure, 6 milioni per l’Irpinia. Di Giacomo (Ance): “Una grande occasione”

15 gennaio 2019

Messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e patrimonio comunale: pronti 6 milioni per l’Irpinia. In attuazione dell’articolo 1 comma 107 della legge 30 dicembre 2018, n. 145 (Legge di bilancio 2019) il Ministero dell’interno ha previsto l’assegnazione ai Comuni con popolazione fino a 20.000 abitanti di circa 400 milioni di euro.

Sul sito Dait – Direzione centrale della finanza locale – è stato pubblicato il testo integrale del Decreto del capo del Dipartimento per gli affari interni e territoriali del Ministero dell’Interno del 10 gennaio 2019 con i relativi allegati recante le indicazioni per accedere ai fondi.

In Irpinia potranno accedere al contributo 116 comuni su 118, per un tetto di massimo di finanziamenti che sfiora quota 6 milioni di euro (5.600.000 euro).

“Ance Avellino intende stimolare e favorire l’accesso a tali fondi da parte degli Enti locali perché rappresentano un’occasione imperdibile per la realizzazione e per la messa in sicurezza sia del patrimonio pubblico e che di infrastrutture essenziali allo sviluppo del nostro territorio”, precisa il Presidente dei Costruttori Michele Di Giacomo.

I contributi sono assegnati per investimenti per la messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e patrimonio comunale. Il decreto obbliga i comuni beneficiari del contributo a iniziare l’esecuzione dei lavori entro il 15 maggio 2019. In caso contrario o in caso di parziale utilizzo del contributo stesso, l’assegnazione sarà revocata in tutto o in parte.

L’erogazione dei contributi sarà pari al 50% delle risorse dopo l’avvio dei cantieri, mentre il restante 50% sarà erogato dopo la trasmissione del certificato di collaudo da parte del direttore dei lavori. La certificazione dovrà essere inviata esclusivamente con modalità telematica, tramite il Sistema Certificazioni Enti Locali. Mentre il monitoraggio delle opere e il controllo sull’inizio dell’esecuzione dei lavori è attuato tramite il sistema di “Monitoraggio delle opere pubbliche – MOP”.