Scrutatori: tra sorteggio e nomina, vince la soluzione a metà

Scrutatori: tra sorteggio e nomina, vince la soluzione a metà

24 maggio 2018

Marco Imbimbo – Sulla falsa riga di quanto accaduto pochi mesi fa, per le elezioni politiche, anche questa volta la commissione elettorale individua una soluzione a metà per la selezione degli scrutatori.

Dopo il flop dell’altro giorno e la diffida del Prefetto, la commissione si è riunita oggi pomeriggio. Le posizioni tra i componenti, però, sono rimaste le stesse: Nicola Poppa ha mantenuto fede alla sua linea, ovvero nominare gli scrutatori per la sua quota di competenza.

Una posizione che trova supporto nella normativa nazionale: in caso di assenza di unanimità all’interno della commissione, sulla procedura di selezione da seguire, si procede con la nomina diretta.

Anche Monica Spiezia ha confermato la linea espressa qualche giorno fa: “Sono favorevole al sorteggio, ma se un solo componente della commissione nomina direttamente gli scrutatori, allora lo faccio anche io”.

Dall’altro lato, invece, fermi sulla linea del sorteggio gli altri due componenti: il sindaco Paolo Foti e il consigliere Giuseppe Negrone.

Ne è venuta fuori una soluzione a metà con il cervellone elettronico che ha estratto a sorte i 148 nominativi in quota Negrone-Foti, mentre Spiezia e Poppa hanno consegnato i loro elenchi per le nomine dirette.

Ora bisognerà attendere il completamento delle procedure e la verbalizzazione dei nominativi per avere l’elenco completo di scrutatori e sostituti.


Commenti

  1. […] tutto il suo rammarico per l’esito della commissione elettorale che ha visto trionfare una soluzione a metà tra la nomina e il sorteggio, ma lancia un appello a Pizza e Morano: “Prendano le distanze da Nicola Poppa e Monica […]