Scoperta una serra di marijuana in casa, in manette un 48enne

Scoperta una serra di marijuana in casa, in manette un 48enne

18 aprile 2018

Gli Agenti della Squadra Mobile della Questura di Avellino, hanno tratto in arresto un 48enne napoletano, pregiudicato, residente in Casagiove, in provincia di Caserta, ma domiciliato a Pratola Serra. L’uomo è responsabile di detenzione, ai fini dello spaccio, di sostanze stupefacenti.

Nel suo appartamento i poliziotti, a seguito di un’accurata indagine investigativa, hanno scoperto che, dietro una porta sigillata con dello scotch, era stata realizzata una serra alta due metri e larga 1.5 metri, chiusa ermeticamente con una cerniera.

All’esterno della serra erano ben visibili una serie di apparecchiature elettriche collegate a dei grossi tubi di alluminio e due fusti pieni di acqua. Meccanismo utile per alimentare la crescita di 9 piante di marijuana, dal peso complessivo di circa 1,5 chilogrammi, alte poco più di 1 metro.

Il 48enne aveva pensato davvero a tutto pur di curare la sua piantagione. La serra, infatti, era protetta da un rivestimento in alluminio ed era caratterizzata da un’efficiente sistema di areazione con tubi in alluminio che servivano per dissipare il calore in eccesso attraverso una finestra i cui vetri erano stati sostituiti con cartoni, ventilatori predisposti in maniera opportuna per il funzionamento con timer, gruppo di continuità e generatori di corrente elettrica, in azione in caso in caso di necessità; il tutto per fornire un costante ed efficiente apporto alla coltivazione della droga, a discapito però del fortissimo, nauseante odore, che costantemente fuoriusciva dall’appartamento.

Nella stessa stanza, sono state rinvenute, nei pressi di uno stendino, numerose infiorescenze di marijuana già essiccate, altre celate all’interno di due bicchieri di vetro avvolti da nastro isolante e all’interno di uno scatolo di polistirolo, il tutto per un peso complessivo di circa 450 grammi di marijuana.

Il 48enne è stato tratto in arresto ed in attesa del giudizio di convalida, sottoposto al regime degli arresti domiciliari presso l’abitazione di Casagiove.