Sciscio: “Sopralluoghi nei cantieri per capire a che punto sono le grandi opere”

Sciscio: “Sopralluoghi nei cantieri per capire a che punto sono le grandi opere”

28 luglio 2018

Marco Imbimbo – Il suo primo giorno da assessore è filato via liscio e non ha riservato sorprese, anzi è coinciso con un sopralluogo sulla Bonatti che, il comandante della Municipale, Michele Arvonio, aveva programmato da tempo, prima che Rita Sciscio venisse nominata assessore ai Lavori pubblici.

L’esponente della Giunta Ciampi, però, ha cercato subito di prendere contatto con il suo nuovo impegno. Ieri ha tenuto una serie di confronti a Palazzo di Città con i responsabili dei settori che dovrà guidare. Intanto Sciscio annuncia: “La settimana prossima inizierà l’operazione verità sulle grandi opere”.

“Abbiamo avviato una prima ricognizione sui dossier delle opere in corso, dal tunnel a piazza Castello, con particolare attenzione al patrimonio scolastico – spiega Sciscio. Si tratta di verificare lo stato dei rapporti con le imprese, ma anche di costruire un rapporto con funzionari e tecnici dell’assessorato che da oggi ricomprende lavori pubblici e urbanistica, governo del territorio, pianificazione e Puc. C’è collaborazione e devo ringraziare tutti per la disponibilità”.

Le vicende da affrontare saranno molte, anche se c’è da sottolineare come molte opere sia state lasciate a buon punto dall’amministrazione Foti, a cominciare dalla Bonatti con il governo Ciampi che l’ha ereditata praticamente completata e a cui spetterà l’onore della riapertura, ma anche il Tunnel, ormai a un passo dall’essere terminato. Per contro, invece, ci sono cantieri ancora bloccati come nel caso di Piazza Castello.

“C’è una grossa mole di lavoro da fare su più fronti, pensiamo di procedere dalla prossima settimana con specifiche visite su cantieri e opere bloccate – spiega Sciscio. Una prima ricognizione l’abbiamo fatta ieri stamattina, sul tratto della Bonatti tra il cimitero e l’area industriale con i tecnici del Comune e il comandante dei vigili urbani, colonnello Arvonio”.