Scatenare l’immaginazione, l’eccitazione via telefono

6 febbraio 2013

Il sesso telefonico non è un evento premeditato: succede, soprattutto quando la lontananza del partner si fa sentire, e accanto alle paroline dolci spuntano anche quelle che suggeriscono il desiderio represso. Spesso però non si dà sfogo ai propri pensieri per paura di apparire ridicoli, o perché si pensa di avere un vocabolario troppo ristretto per riuscire ad esprimere le proprie emozioni. In realtà, l’erotismo al telefono può essere molto eccitante, e se il grado di intimità con il vostro partner vi permette di sentirvi a vostro agio, è un’esperienza assolutamente da provare, perlomeno come preliminare. Si può anche iniziare con un po’ di sexting: il sesso via sms, in cui si anticipa all’altro quali sono le proprie fantasie sessuali che si desidera mettere in atto una volta che ci si ricongiungerà a lui, per scaldare gli animi. Al vostro lui non sembra una buona idea, lui ama solo i fatti? Si ricrederà. Ricordate che un rapporto sentimentale ha bisogno di una buona dose di fantasia per restare vivo e coinvolgente, soprattutto per quanto riguarda la sfera sessuale. Inoltre, non avere il partner davanti a voi potrebbe rendervi più audaci e permettervi di confessare desideri e perversioni che non avete mai osato proporgli. Come iniziare la conversazione? Noi possiamo darvi qualche suggerimento, ma stai a voi rielaborarli e giudicare se sono adatti alla vostra coppia oppure no. In ogni caso, una voce sensuale si può tradurre con un tono di voce basso, meglio se sussurrate: volendo, roca, ma non esagerate, altrimenti diventerà una voce maschile o sembrerà semplicemente che avete il mal di gola. Immaginate il posto dove sta lui, chiedendogli di descrivervi cosa indossa, di spegnere le luci e di stendersi in una posizione comoda. Il resto verrà da sé. Soprattutto, non interrompetevi a metà, per l’imbarazzo o perché vi siete stancate: potreste metterlo a disagio,e potrebbe perdere la fiducia nei vostri confronti.