La Scandone è ai quarti di finale, battuta Minsk in Bielorussia

La Scandone è ai quarti di finale, battuta Minsk in Bielorussia

14 marzo 2018

Renato Spiniello – Filloy, Rich, Wells e Zerini annientano lo Tsmoki Minsk alla Falcon Club Arena per 81-72. Risultato che si somma al 70-70 dell’andata e che spedisce gli irpini direttamente ai quarti di finale della Fiba Europe Cup. Non bastano le prove di Kravish e Kudrautsu alla truppa bielorussa. Ora Leunen e soci se la vedranno con la Juventus Utena, già affrontata lo scorso anno in Champions League, mercoledì 21 per l’andata del Round of 8. Si parte in Lituania, ritorno il 28 a Contrada Zoccolari.

Primo quarto 14-24 Filloy apre la contesa dalla lunga distanza, Minsk risponde con Gaulden-Saddler ma da 2. Rich e ancora Filloy allungano il break, nonostante la tripla di Kudrautsu, costringendo i padroni di casa al timeout. In uscita Rich riprende da dove aveva cominciato e la Sidigas allunga sul +7. Si vede anche Lawal sui legni, ma è Czerapowicz a prendersi la scena in questa fase (10-14). Wells replica allo svedese con un 4-0 che ristabilisce le distanze in un amen. Prima della sirena, l’americano e Lawal fanno in tempo a scrivere addirittura +10 sul tabellone luminoso.

Secondo quarto 18-13 Fitipaldo apre il secondo periodo, Salash gli risponde a tono. Altra sospensione, questa volta invocata da Sacripanti. Alla ripresa Filloy non sbaglia dall’arco, Adamovic fa lo stesso con Kravish a dargli da manforte (24-31). Beliankou porta i padroni di casa fino al -3, con Rich a togliere le castagne dal fuoco ai biancoverdi. Il 25 riesce a ripetersi anche in chiusura di quarto, che i bielorussi chiudono sotto di 5.

Terzo quarto 16-20 Leunen va di tripla, ma la prima metà frazione è un monologo Minsk. I locali, con un sanguinoso parziale di 11-4, trovano il sorpasso a 6’48” dalla terza sirena. La Scandone ha però pronto il riscatto e con Fitipaldo, Rich e Zerini si riporta sul +4 (48-52). Il lungo toscano va anche in lunetta portando a casa un fruttuoso 2/2. Nel finale la tripla di Wells vale il 57-48 per gli uomini di Sacripanti.

Ultimo quarto 24-24 Minsk prova a rosicchiare qualche punto agli irpini in avvio ultima frazione, Zerini però è in giornata e infila la tripla del +12. E quando Kravish prova a scalare la montagna, capitan Leunen lo rispedisce sotto con un’altra bomba (58-65). Scrubb imita il compagno e sull’avventura dello Tsmoki Minsk in Europa scorrono i titoli di coda. Gli ultimi minuti servono solo a rendere meno amara la sconfitta ai locali. Finisce 81-72 per Avellino.