L’Orlandina china il capo all’overtime: nello stretto passa Avellino

L’Orlandina china il capo all’overtime: nello stretto passa Avellino

22 aprile 2018

Renato Spiniello – E’ la Sidigas a strappare i due punti nello stretto di Messina. I lupi, solo dopo un sanguinoso overtime che inevitabilmente lascerà strascichi sulla condizione fisica in vista della gara di mercoledì, passano al PalaFantozzi per 73-77, rischiando l’harakiri nei minuti finali dell’ultimo quarto. All’overtime però ci pensano Leunen e D’Ercole a siglare la vittoria numero 18 in Lega Basket Serie A. Nella serata storta di Rich (appena 6 punti), sono Filloy e D’Ercole a fare la voce grossa con 14 e 13 punti messi rispettivamente a referto.

Primo quarto 20-16 Rich e Knox aprono la contesa, segue ancora l’Orlandina con Stojanovic ai liberi e l’inchiodata del centro Usa (5-2). Fesenko riduce il parziale sfondando quota 600 punti con la maglia di Avellino. I lupi scaldano la mano dalla distanza con l’ex del match Bruno Fitipaldo. Sull’11-5 per gli ospiti coach Mazzon spende il primo timeout a sua disposizione. In uscita sale in cattedra Knox, con Wells che prova a contendergli il proscenio, ma è Atsur a chiudere il primo parziale con la tripla che da il +4 alla Betaland.

Secondo quarto 13-25 D’Ercole da 3 dopo il primo mini intervallo, il toscano segna anche il pareggio dopo il tecnico comminato a Mazzon. Il break irpino prosegue con Wells, Filloy e Lawal e Capo d’Orlando scivola a -7. Faust arresta l’emorragia, ma Zerini e D’Ercole vanno di tripla incrementando ancora il vantaggio biancoverde. Monetizza anche Scrubb, ma il finale è tutto di marca Orlandina con il solito Knox e il piazzato di Campani (33-41).

Terzo quarto 15-15 Rich e Fesenko per gli ospiti, Stojanovich per i siciliani (37-45). Filloy e Atsur armano la mano dalla distanza, ma l’italoargentino concede anche il bis e i biancoblù vanno nuovamente a colloquio dal proprio coach. Il rientro però favorisce i locali, che tornano a -8, almeno fino al gioco da 3 punti completato da Lawal. Si chiude con Campani, Sidigas avanti 56-48 a 10′ dalla sirena.

Ultimo quarto 20-12 La Betaland rosicchia altri punti alla Scandone con Smith, gli rispondono D’Ercole, Zerini e soprattutto Lawal (61-68). La tripla di Likhodey e Stojanovich fanno però tremare gli irpini. Gli ultimi 2′ di giocano punto a punto. Smith pareggia a 5” dalla sirena: si andrà all’overtime.

Overtime 5-9 Stojanovich per il vantaggio, Leunen da 3 per il controsorpasso (70-71). Fesenko fa 1/2 in lunetta, l’Orlandina sbaglia il seguente attacco e allora Rich, non in gran serata, scrive il +4 sul tabellone luminoso. I punti decisivi li sigla D’Ercole, dopo l’ennesima tripla di Stojanovic: è 73-77 al PalaFantozzi, vince Avellino.