Ancora un pari per la Scandone: Avellino-Utena si deciderà al Del Mauro

Ancora un pari per la Scandone: Avellino-Utena si deciderà al Del Mauro

21 marzo 2018

Renato Spiniello – Ancora un pari per la Sidigas Avellino, dopo aver impattato agli ottavi di finale in Gara 1 contro Minsk, i lupi biancoverdi ottengono lo stesso risultato, questa volta 77-77, contro i lituani della Juventus Utena. La qualificazione alle semifinali si deciderà dunque settimana prossima al PalaDelMauro.

Primo quarto 21-14 Tripla di Leunen in apertura di giochi. Utena risponde in lunetta, Fesenko riscrive il +3, ma l’ala piccola Kupas non ci sta. Mini break lituano, chiuso dai 2 di Rich, che però sbaglia la tripla seguente consentendo ai padroni di casa di riallungare con Korniienko (12-7). La Sidigas si affida al proprio cannoniere per risalire la china. E’ pero sempre la Juventus a guidare con Gaines, costringendo coach Sacripanti a chiamare i suoi a sé. La pausa però non fa bene agli irpini, che vanno alla prima sirena sotto di 7.

Secondo quarto 15-24 Šikšnius apre la frazione. Sacripanti getta in mischia Scrubb, ottenendo in cambio 1 rubata e 2 punti, ma soprattutto un mini break di 6-0. Timeout Utena. In uscita scatenato Fitipaldo: la Scandone ribalta il parziale (25-28). Segue il controbreak baltico, ma Avellino impatta immediatamente con Fesenko (32-32). Prima dell’intervallo lungo, l’ucraino segna anche in lunetta: 36-38.

Terzo quarto 24-22 Pareggio di Utena in apertura di tempo. Rich e Gaines vanno di tripla, segue la schiacciata di Fesenko. Il 44 concede anche il bis assistito da Scrubb, ma la tripla di Šikšnius riporta sotto i locali (47-48). Giro in lunetta per Lawal, il nigeriano fa 2/2 ma la bimane di Gaines manda in estasi il pubblico di casa. La Juventus cavalca il break con Korniienko e lo stesso Gaines, riportandosi avanti di 2. Tocca a Wells salire in cattedra, si va all’ultima sirena sul 60 pari.

Ultimo quarto 17-17 5-0 biancorosso, chiuso da Wells in penetrazione. E’ sempre l’ala piccola dei lupi a tenere stretta la forbice. Di Rich la bomba del sorpasso (70-71), seguono però i liberi di Buterlevicius. Fesenko controsorpassa, ma i lituani ristabiliscono la parità (75-75). Leunen segna, ma arriva ancora il pari di Buterlevicius. Finisce così, qualificazione rimandata al ritorno.