Ventello Sidigas in Germania: i lupi si divorano il Riesen Ludwigsburg

Ventello Sidigas in Germania: i lupi si divorano il Riesen Ludwigsburg

17 ottobre 2018

Renato Spiniello – Ancora una trasferta per la Sidigas Avellino. Dopo la sconfitta di Cremona, però, gli uomini di Nenad Vucinic ritrovano la vittoria sul campo dei tedeschi dell’Mhp Riesen Ludwigsburg. 77-96 il risultato finale. Ai teutonici non bastano le prove dei vari Martin (17 punti) e Waleskowski (13). La Scandone, al contrario, ottiene il massimo dai propri uomini chiave. 26 punti per Sykes, 21 e 10 rimbalzi per Costello, 14 a testa per Nichols e Green, con quest’ultimo che aggiunge anche 7 palloni catturati.

Primo quarto 15-24 E’ Nichols a sbloccare il match dopo la persa dei gialloneri di Germania. Gli risponde Crawford dalla distanza, ma la bimane di Costello mette nuovamente le cose a posto per la Scandone. Altro giro, altri punti del 10 biancoverde. Best non ci sta e in un amen scrive 4 punti (9-8). Da un lato del tabellone all’altro, perché a seguire il break ospite, favorito soprattutto dai liberi, porta i lupi a +5 (11-16). Sykes ne aggiunge altri 3 e i padroni di casa non possono che stoppare il cronometro. In uscita fa il suo esordio in questa edizione di Champions League anche N’Diaye, che porta in dote subito i suoi primi 2 della gara. Si chiude con Waleskowski e la tripla di Green. Avellino a +9 al 10′.

Secondo quarto 16-23 Nichols e Sykes aprono la frazione e la forbice tra le due formazioni si allarga ancora. Il Riesen prova a replicare col solito Waleskowski, ma la bomba dall’angolo di D’Ercole ristabilisce le distanze (20-34). Spizzichini si guadagna un antisportivo e incrementa ancora il vantaggio, che col 2+1 di Sykes sfiora il ventello. Segue però il break tedesco di 11-3 che spedisce gli irpini a colloquio dal proprio coach. In uscita 1/2 a testa dalla carità per Cole e Nichols e semigancio di Costello. I lupi continuano a mordere con l’ex compagno di squadra di Lebron James e il primo tempo si chiude sul 31-47.

Terzo quarto 23-24 Tripla di Green e +19 Sidigas (massimo vantaggio). I padroni di casa trovano però ancora un break favorevole che impedisce la fuga ai campani. A metà frazione si sblocca anche Filloy, che ristabilisce il +15 (42-57). Coach Patrick si affida così al minuto di sospensione. Alla ripresa delle ostilità show Costello sotto entrambi i ferri, segue ancora una tripla, questa volta griffata D’Ercole, e il +20 è servito. Si chiude con i 5 di Waleskowski e il contropiede di Sykes. 54-71 al 30′.

Ultimo quarto 23-25 Crawford apre l’ultimo periodo. I gialli hanno un sussulto guidati da Klein, ma Vucinic decide immediatamente di fermare il ritmo degli avversari. Nichols fa abbassare la cresta ai locali con la tripla del ritrovato +16. Divario insormontabile a pochi minuti dalla sirena. Si chiude con tanto garage-time e col punteggio di 96-77 in favore degli uomini in biancoverde. La Sidigas fa il bis in Champions League.