Maledizione Final Eight, Sidigas Avellino ancora fuori al primo turno

Maledizione Final Eight, Sidigas Avellino ancora fuori al primo turno

15 febbraio 2019

Renato Spiniello – Maledizione Final Eight per la Sidigas Avellino. I lupi escono per la terza volta di fila ai quarti di finale, questa volta contro l’Happy Casa Brindisi forte della striscia positiva di 5 vittorie in campionato. Ai biancoverdi non basta un terzo quarto da 40 punti e un losing effort da 23 punti e 6 rimbalzi di Sykes e da 19 punti, 11 rimbalzi e 8 assist di Green. L’Happy Casa, che dovrà vedersela con la Dinamo Sassari in semifinale, deve ringraziare soprattutto il fattore B (Banks e Brown).

Primo quarto 12-28 Parte ad alto ritmo l’ultimo quarto di finale di Coppa Italia. Green da un lato e Brown dall’altro danno spettacolo sui legni, Brindisi però infila il break con Gaffney e scappa a +7 costringendo Vucinic all’immediato timeout. In uscita persa di Avellino e l’ex Banks corre a scrivere il 4-13 sul tabellone luminoso. Green prova a dare ossigeno ai suoi, ma la bimane di Brown e il 2+1 di Moraschini significano +12 per i pugliesi. Gap che aumenta ulteriormente nel finale grazie allo scatenato Brown e a Banks. La Sidigas replica col 2/2 di Campani.

Secondo quarto 28-19 Harper dalla distanza, Rush e Wojciechowski rispondono puntuali per la Happy Casa. Banks ne aggiunge altri 4, con Vucinic che deve richiamare i suoi a sé. In uscita Sykes e Harper si alzano dalla distanza per il -7, ma la replica di Walker è della stessa moneta (34-44). Prima della pausa lunga il folletto di Chicago ricuce ancora: si riprenderà dal 40-47.

Incorrect URL attribute defined

Terzo quarto 40-22 Fuoco Sidigas ad avvio ripresa: Filloy, Sykes e N’Diaye armano la mano e firmano il vantaggio sul 52-51. Dal fronte avellinese piovono triple con Green, Silins e Sykes. La Scandone vola a +8, Vitucci non ci crede e invoca il timeout. In uscita ancora Green da distanza siderale e +11 Avellino. Banks deve suonare la carica ai suoi, ma Filloy va ancora di tripla (78-62). Nel finale c’è il break brindisino: 80-69 alla terza sirena.

Ultimo quarto 12-26 L’ultima frazione si apre con un tecnico comminato all’Happy Casa, ma sono quest’ultimi a partire forte. Harper e Rush si alternano da oltre l’arco, quest’ultimo concede anche il bis e Brindisi trova il pareggio. Banks sorpassa, ma Sykes e Green monetizzano in lunetta per il ritrovato vantaggio (92-91). Il finale premio però Brindisi e soprattutto Banks: finisce 92-95.