San Martino – Ricci: “Un codice etico a sostegno del nostro operato”

19 maggio 2006

San Martino Valle Caudina – Con il comizio di domani sera si chiude il secondo ciclo degli appuntamenti di quartiere della lista ‘Centrosinistra per San Martino’ capeggiata da Pasquale Ricci. E intanto “… dopo le continue offese, i volantini e addirittura i manifesti apparsi in questi giorni”, i componenti della lista si soffermano sui chiarimenti. “Ci delude profondamente leggere che i nostri simboli sono svuotati del loro senso originario e non comprendiamo la giustificazione di chi si dichiara di sinistra e decide, invece. Di candidarsi con uomini del centrodestra finendo con il condividerne i valori. Sarebbe il caso, prima di ricadere in errore, di studiare le leggi e conoscere la macchina amministrativa”. E il presunto errore sembra riguardare in questo caso l’Ici e la Tarsu “… per cui il centrosinistra ha già garantito riduzioni a favore delle fasce più deboli, dei commercianti del centro storico e per chi, nelle zone di campagna, utilizzerà un composter”. Posizioni che quindi non sembrano giustificare chi “… continua a chiamarci comitato d’affari o gruppo di potere. Farebbero bene, piuttosto, a guardare al loro interno dove sono presenti rappresentanti di aziende mosse da interessi non propriamente pubblici. Mentre si sentono aleggiare nell’aria fantomatiche promesse la nostra lista si è dotata di un codice etico sottoscritto da tutti i consiglieri al fine di meglio interpretare la politica come servizio per la collettività. Crediamo da questo punto di vista di poter impartire lezioni e stili di vita”.