La salute vien mangiando: ad Avellino il progetto “Salute”

La salute vien mangiando: ad Avellino il progetto “Salute”

17 novembre 2018

La qualità del cibo determina la qualità di vita di ogni essere umano: “Mangiare poco e bene”.

Il prossimo 22 novembre alle 10 sarà presentato, presso il Circolo della Stampa di Avellino, il progetto Salute “Realizzazione di Nuovi Piatti Pronti Funzionalizzati ad Elevato Valore Salutistico Mediante Tecnologie di Processo Innovative”, cofinanziato con i fondi Horizon 2020 – PON “Imprese & Competitività” 2014-2020, alla presenza del Responsabile Scientifico del progetto, la Dott.ssa Maria Grazia Volpe dell’Istituto di Scienze dell’Alimentazione-Consiglio Nazionale delle Ricerche (ISA-CNR) di Avellino, della Dott.ssa Valentina De Vito, Responsabile Ufficio Ricerca & Sviluppo della Futur pesca S.r.l. capofila del progetto di ricerca, e Giuseppe Ricciotti della Movinox S.r.l., partner del progetto.

Il progetto nasce dalla volontà di soggetti privati ed istituzioni di sviluppare una gamma di prodotti salutistici
in grado di rispondere a particolari esigenze nutrizionali della persona in modo da riceverne beneficio. Sono
sempre di più le prove scientifiche a sostegno dell’ipotesi che alcuni alimenti e componenti alimentari abbiano effetti benefici sulla fisiologia dell’organismo.

La moderna scienza e tecnologia dell’alimentazione, oltre a garantire il prerequisito della sicurezza per il consumatore, è sempre più orientata alla produzione di alimenti che garantiscano una dieta nutrizionalmente ottimale.

A tal fine, sono state identificate componenti alimentari biologicamente attive atte a favorire il benessere, quali basi per la formulazione di nuovi piatti pronti con caratteristiche funzionali fortificate e/o supplementate, ossia arricchendo i nuovi formulati di specifiche sostanze rispetto alla loro composizione di base e/o aggiungendone altre che non possiedono naturalmente, in modo tale che gli stessi possano mostrare benefici effetti su una o più funzioni dell’organismo o che riducano i rischi di alcune malattie.

In particolare sono stati proposti piatti per ipercolesterolemici, celiaci e diabetici a base di pesce azzurro, oli vegetali ricchi in acidi grassi essenziali, cereali senza glutine, semi vegetali, legumi e prodotti vegetali naturalmente ricchi in componenti bioattive.

L’evento rappresenta anche un’occasione per comunicare che alcuni piatti funzionali messi a punto nel progetto, caratterizzati dal punto di vista chimico, biochimico, microbiologico e sensoriale dal partner
scientifico, saranno realizzati da ristoranti opportunamente selezionati dalla azienda Futur pesca S.r.l. per
verificare se le esigenze (bisogni ed aspettative) del consumatore sono soddisfatte, in modo da coniugare
aspetti salutistici con la soddisfazione del palato.