Sabotaggio American Airlines Boeing, accusato un meccanico. “Sperava di ottenere lavoro straordinario”

Sabotaggio American Airlines Boeing, accusato un meccanico. “Sperava di ottenere lavoro straordinario”

6 settembre 2019

Un tubo allentato di fronte all’attrezzatura del naso dell’aereo sotto la cabina di pilotaggio. Era stato deliberatamente ostruito da una sorta di materiale di schiuma dura. Un vero e proprio sabotaggio. E’accaduto il 17 luglio scorso, quando un American Airlines Boeing 737-800 (N861NN) stava per decollare per il volo AA2834 tra Miami, Stati Uniti e Nassau, Bahamas. In quel momento, i piloti hanno ricevuto un segnale di avviso sul sistema di navigazione: il sistema di moduli di dati aerei che riporta la velocità dell’aeromobile, il tono e altri dati di volo critici. L’aeromobile, che trasportava 150 passeggeri, è tornato al gate per un’ulteriore ispezione dell’errore.

Giovedì, Abdul-Majeed Marouf Ahmed Alani, un meccanico dell’American Airlines è stato arrestato con l’accusa di sabotaggio accusaato di avere disabilitato il sistema di navigazione. La ragione del suo comportamento, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, era il suo turbamento per le trattative sui contratti sindacali bloccate. Alani è stato accusato di ” danneggiare intenzionalmente, distruggere o disabilitare un aereo ” e dovrà presentarsi dinanzi alla corte federale di Miami venerdì. Ha ammesso di aver manomesso il modulo dati aerei dell’aereo “per causare un ritardo o annullare il volo in previsione dell’ottenimento di lavoro straordinario “.


Commenti

  1. […] Sabotaggio American Airlines Boeing, accusato un meccanico … […]