S. Martino, spreco risorse idriche: la nota di SeL

12 dicembre 2013

S. Martino Valle Caudina – “Sono ormai settimane che nel centro abitato del Comune di San Martino, nella centralissima piazza S. Salvatore, dall’acquedotto gestito dal consorzio Alto Calore di Avellino, sgorga acqua come un piccolo torrente che finisce nelle caditoie. La perdita potrebbe anche causare incidenti stradali considerata la pericolosità della posizione nella quale è situata”. Così in una nota il circolo Sel di San Martino.

“Impossibile non vedere ciò che sta succedendo, sono convinto che gli organi comunali hanno fatto le dovute segnalazioni, perché se così non fosse, l’incapacità di governo sarebbe evidente. Forse sono stati troppo impegnati per la campagna congressuale del PD nel segno del “rinnovamento renziano”. Crediamo che il vero rinnovamento sia quello che si misura nella capacità di risolvere i problemi del paese. Ed allora la domanda è: chi controlla queste perdite e perché non si interviene? Come mai si è così precisi nel richiedere i pagamenti delle bollette e far pagare salatamente le eccedenze ai cittadini e qui si perde acqua a non finire. Se il fatto non fosse così serio, ci verrebbe da sorridere, nel leggere i suggerimenti che si danno agli utenti per evitare gli spreghi. Qui lo spreco e a gogò, soldi buttati, quindi. Tutto ciò in un momento di dura crisi come quella attuale non è un bel vedere. In quali “faccende” sono “affaccendati” i dirigenti e i responsabili della manutenzione dell’impianto? Voi capite che di questo passo si va verso la rovina, se tanto mi da tanto, per le provincie di Avellino e Benevento i milioni di euro buttati……non si contano. Sappiamo bene come si gestiscono i bilanci ed ecco perché il costo dell’acqua aumenta, qui non ci sono solo perdite accidentali, qui c’è una precisa responsabilità e devono risponderne civilmente e politicamente. Auspichiamo un intervento immediato del Comitato per la Vigilanza sull’uso delle Risorse idriche e degli amministratori del Consorzio Alto Calore Irpino”.