Rotondi: “Turismo e agricoltura non bastano per sviluppo Irpinia”

23 novembre 2010

Sant’Angelo dei Lombardi – “Mi dissocio dall’ironia sulle fabbriche di barche in montagna, luogo comune utilizzato per denigrare il tentativo di industrializzare l’Irpinia”. Lo dichiara il ministro per l’Attuazione del programma Gianfranco Rotondi nel suo intervento al convegno sul terremoto del 1980 in Irpinia. “Nel mondo ci sono – aggiunge Rotondi – un sacco di fabbriche di barche in montagna così come vi sono interi distretti industriali brillanti in alta montagna. Penso al Bellunese ad esempio. La scommessa non è riuscita in Irpinia perchè sono arrivati gli industriali sbagliati e non si è scatenata la molla della voglia matta di rischiare che sta in Brianza o che è avvenuta al Nordest. Resto dell’idea – conclude Rotondi – che turismo e agricoltura non bastano a far decollare l’Irpinia e ritengo che il discorso iniziale vada rilanciato con forza”.

Parlando della ricostruzione, Rotondi ha aggiunto che “… furono commessi degli errori. Ad esempio fu sbagliato puntare sulla prefabbricazione pesante quando l’associazione costruttori di Avellino era pronta a dare case definitive allo stesso prezzo. Sul tema delle aree industriali – aggiunge il ministro – più che di errore parlerei di occasione mancata. Quanto agli sprechi, essi non hanno riguardato la comunità irpina, ma l’allargamento improprio e speculativo dell’area del terremoto in realtà che non lo hanno patito”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.