Rocchetta Sant’Antonio accoglie i primi rifugiati politici e richiedenti asilo

Rocchetta Sant’Antonio accoglie i primi rifugiati politici e richiedenti asilo

15 novembre 2016

“Sono stati accolti dalla comunità di Rocchetta Sant’Antonio con un caloroso abbraccio i primi ospiti del progetto SPRAR si legge nella nota dell’Amministrazione Comunale – il Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati attivato dall’Amministrazione Comunale e finanziato dal Ministero dell’Interno. Si tratta di tre nuclei familiari – uno iracheno, uno afgano ed uno nigeriano – per complessive otto persone, di cui sei adulti e 2 minori di cui, uno dei minori, lunedì 14 Novembre, ha cominciato la scuola materna.

Per gli abitanti del caratteristico Borgo dei Monti Dauni si tratta di un’importante occasione d’incontro, di condivisione ed integrazione finalizzata a sperimentare un modello di concreta accoglienza oramai diffuso su tutto il territorio italiano, attraverso la legge n.189/2002, che fa leva sul coinvolgimento delle istituzioni centrali e locali. Il sindaco Valentino Petruzzi nell’accogliere le due famiglie ha manifestato la piena disponibilità da parte dell’Amministrazione Comunale nella buona riuscita del progetto.

«Esprimo gioia nel vedere queste giovani famiglie, la speranza ora è che possano integrarsi nel miglior modo possibile nel nostro paese e poter rimanere qui anche nel prosieguo degli anni. Questo sarebbe un risultato importante per il nostro paese in quanto confermerebbe che Rocchetta Sant’Antonio è un paese accogliente. L’accoglienza di queste persone – ha aggiunto il sindaco Petruzzi – ci viene chiesta anche da Papà Francesco e quindi dalla Chiesa e, per questo invito tutti i cittadini, ad adoperarsi per far sì che queste persone possano integrarsi nel miglior modo possibile nel nostro paese».

Il progetto SPRAR ha una durata di circa due anni. La permanenza all’interno delle strutture di accoglienza è riservata alle persone aventi lo status giuridico di rifugiato, richiedente asilo, o in possesso di un permesso di soggiorno per motivi umanitari, protezione sussidiaria o protezione temporanea. I beneficiari risiederanno in più unità abitative e saranno impegnati in una serie di corsi, lavori, attività di formazione, crescita, integrazione e scambio con la Comunità che li accoglierà.

«Il nostro progetto, come tutti gli SPRAR, si occupa di accoglienza integrata, strutturale, non emergenziale – ha spiegato Raffaele Mangino, assessore comunale alle Attività Produttive – . Non siamo un centro di prima accoglienza, ma riceviamo le segnalazioni dal Ministero degli Interni e, a seconda della disponibilità di posti, accogliamo ospiti. Si è richiesto di accogliere fino ad un massimo di venti persone, uomini e donne adulti, autosufficienti e singoli, famiglie». Il nostro obiettivo – ha evidenziato Mangino – è quello di accogliere i profughi e renderli, per quanto possibile, autonomi.

In primis forniamo loro vitto e alloggio e assistenza sanitaria. Poi ci occupiamo della consulenza legale: li supportiamo nelle pratiche per l’ottenimento della protezione internazionale. Se l’esito è positivo, i ragazzi possono rimanere altri sei mesi all’interno della nostra struttura, in modo da avere il tempo di cercare un lavoro de un alloggio. C’è da dire però che non tutti rimangono in Italia. Alcuni, una volta ottenuti i documenti, decidono di trasferirsi in altri Paesi europei». Infine, nelle prossime settimane, continuerà il percorso di integrazione attraverso il coinvolgimento delle Associazioni locali, partiranno i corsi di italiano e si provvederà a realizzare un laboratorio dove gli ospiti Sprar impareranno alcuni mestieri, ci dichiara Antonio Cocco, coordinatore del Progetto.”