Rissa al derby, stop all’obbligo di firma. Ternana-Avellino: quattro Daspo

Rissa al derby, stop all’obbligo di firma. Ternana-Avellino: quattro Daspo

5 luglio 2018

Una notizia buona e una cattiva per la tifoseria biancoverde nelle ultime ore relativamente a due eventi calcistici della passata stagione.

La Cassazione ha infatti revocato l’obbligo di firma per gli otto sostenitori dell’Avellino coinvolti nella mega-rissa tra fazioni opposte del tifo irpino al termine del derby dell’Arechi contro la Salernitana dell’11 marzo. A loro carico resta il Daspo emesso dalla Questura di Salerno, ma i legali Fabio Tulimiero, Costantino Sabatino e Gerardo Di Martino puntano a bissare il successo ottenuto in Cassazione con la richiesta di annullamento dei Daspo inoltrata al Tar.

Intanto però altri Daspo sono stati irrogati dalla Questura di Terni nei confronti di quattro supporters biancoverdi in occasione dell’ultima gara di campionato contro la Ternana. Le telecamere della Polizia Scientifica e quelle del circuito di videosorveglianza dello stadio “Libero Liberati” hanno consentito di individuare i responsabili dell’accensione di fumogeni e petardi nel parcheggio del settore ospiti e sugli spalti.

Decisiva la collaborazione tra le Digos di Avellino e Terni per risalire agli autori, di età compresa tra i 28 e i 38 anni, raggiunti dal provvedimento che vieta di assistere alle manifestazioni sportive. Pronti anche per loro i ricorsi al tribunale amministrativo.