Riscoprire le tradizioni, a Lioni la decima edizione di “A tavola con le nonne”

Riscoprire le tradizioni, a Lioni la decima edizione di “A tavola con le nonne”

27 gennaio 2020

Al via a Lioni la decima edizione del progetto “A tavola con le nonne” della sede Ipseoa dell’istituto Vanvitelli. Il progetto, ereditato e sostenuto dal dirigente scolastico Gerardo Vespucci, ideato dalla professoressa Anna Di Domenico e dal responsabile di plesso, il professor Rosario Miele, vedrà infatti protagoniste quest’anno le “nonne” di Lioni e tutti gli alunni delle classi terze, guidati dai docenti di indirizzo.

Riprenderà ufficialmente il 28 gennaio prossimo a Lioni, infatti, il filo conduttore della storia e delle tradizioni dei paesi irpini, attraverso la visita didattica sul territorio di Lioni, organizzata dal Comune di Lioni con la collaborazione della Proloco di Lioni, di Edyta e Tina quali componenti dell’OMCTI – operatore marketing culturale e turismo integrato – e delle nonne presso la sala consiliare.

“Si tratta di un percorso enogastronomico multidisciplinare – precisa il professore Miele – che si realizza in tre tappe fondamentali: nella prima, preliminare, verranno scelte le specialità da studiare e riprodurre in cucina; nella seconda, quella più operativa, saranno realizzati praticamente i menu proposti e verranno condotte le ricerche storiche, le traduzioni nelle varie lingue, i calcoli calorici e dei costi; nella terza ed ultima fase, infine, verrà presentato praticamente il lavoro svolto in un momento conviviale molto apprezzato dagli ospiti e fonte di grande soddisfazione per docenti ed alunni.

Dopo Conza, Teora, Caposele, Montella, Calabritto, Nusco, Calitri, Bagnoli e Bisaccia, ora toccherà a Lioni, sede dell’Istituto, svelare i segreti delle proprie tradizioni gastronomiche, raccontati attraverso i loro piatti dalle “nonne”, depositarie dei saperi e dei sapori antichi, che gli alunni del Vanvitelli cercheranno di apprendere e riprodurre in modo innovativo”.

Nell’evento finale dello scorso anno, infatti, il sindaco di Bisaccia, Marcello Arminio ha passato il testimone nelle mani del vice sindaco di Lioni, Domenica Gallo, alla presenza di personalità civili, religiose e militari, di alcuni sindaci delle passate edizioni e dei dirigenti scolastici del Vanvitelli, promotori dei precedenti appuntamenti del progetto.

Spiega il dirigente scolastico Vespucci: “Accolgo con piacere questo progetto iniziato sapientemente dai miei predecessori, perché ritengo molto importante che i nostri ragazzi amino le tradizioni gastronomiche della loro terra e arricchiscano le loro conoscenze attraverso i preziosi e saggi insegnamenti dei nonni, grazie anche alla disponibilità del Comune di Lioni e del Sindaco Gioino, sempre accanto al nostro istituto”.

Soddisfatto il sindaco di Lioni, Yuri Gioino: “Siamo molto contenti, quest’anno, di partecipare attivamente alla realizzazione di un progetto importante, che l’Istituto Vanvitelli ha saputo ideare e costruire nel corso del tempo. I grandi valori che esso racchiude, come il legame indissolubile con le tradizioni gastronomiche locali e il rispetto della storia delle nostre nonne, rappresentano i pilastri fondanti di un percorso unitario intrapreso dalla scuola e dalle istituzioni. Queste sono le basi essenziali per dare impulso alla creatività dei giovani studenti, senza dimenticare o ignorare gli insegnamenti del passato”.