Rifiuti – Pd, Lengua: “Un altro schiaffo all’Irpinia”

17 marzo 2010

Avellino – “Un altro schiaffo all’Irpinia, un segnale evidente del disinteresse del centrodestra berlusconiano verso la nostra provincia e soprattutto dell’assoluto dispregio verso i cittadini della Campania, ai quali era stato artatamente detto che l’emergenza rifiuti era finita”.
Parte da qui il segretario provinciale del Pd Caterina Lengua per consegnare, a nome di tutto il partito, il forte dissenso rispetto alla notizia dell’arrivo allo Stir (ex Cdr) di Pianodardine di carichi di rifiuti di Napoli e Caserta.
“In questo modo si continua a mortificare la nostra provincia – prosegue il segretario del Pd irpino – E’ sconcertante che i sette parlamentari irpini del centrodestra tacciano di fronte a questo affronto al nostro territorio. Il loro silenzio li rende inequivocabilmente corresponsabili dell’ulteriore scempio che il Governo sta perpetrando ai danni dell’Irpinia, mentre ogni sforzo che il Pd provinciale sta compiendo attraverso le proposte avanzate in questo campo dal proprio riferimento istituzionale, senatore Enzo De Luca, per arginare i danni della politica del centrodestra, risulta vano. Mi chiedo perché l’Irpinia debba essere ancora mortificata, dopo aver dato un contributo importante alla risoluzione dell’emergenza rifiuti della Campania. Non consentiremo che si prosegua su questa strada, con il centrodestra che gioca sulla pelle dei cittadini della nostra provincia probabilmente solo per fini elettorali. Il bluff è stato scoperto. Sono convinta che gli elettori abbiano compreso il doppio gioco di Berlusconi e dei suoi alleati ed esprimeranno nelle urne la loro contrarietà ad un modello politico declinato a spot propagandistici e false promesse. Il nostro candidato alla Presidenza della Regione Vincenzo De Luca, da sindaco di Salerno, ha dimostrato sul campo di saper affrontare e risolvere la crisi dei rifiuti. Con i fatti non con le parole e i messaggi pubblicitari. E’ questa – conclude Lengua – la politica di cui ha bisogno la Campania per voltare finalmente pagina. Una politica attenta alle esigenze delle comunità, lontana dai clientelismi e rispettosa di tutte le aree della regione, a partire dalle aree interne come la nostra Irpinia”.