Rifiuti, la mappa della differenziata in Irpinia: capoluogo maglia nera

Rifiuti, la mappa della differenziata in Irpinia: capoluogo maglia nera

24 aprile 2017

Pubblicata su Il Sole 24 Ore la road map della raccolta differenziata in Italia. Infodata ha realizzato la mappa basandosi sui numeri pubblicati dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale

Guardando alle province del Bel Paese, è Treviso quella in cui la gestione dei rifiuti ha permesso di ottenere i risultati migliori in termini di riciclo. Nel 2015 infatti in media l’85,22% dell’immondizia è stata differenziata, seguono altre città del Nord come Mantova e Belluno. In coda invece la Sicilia, le quattro peggiori provincie italiane per raccolta differenziata, sempre secondo Ispra, sono Enna, Siracusa, Messina e Ragusa.

Guardando invece ai singoli comuni, il risultato migliore lo registra San Lorenzo Maggiore, poco più di duemila abitanti distribuiti su 16 chilometri quadrati di territorio in provincia di Benevento. Stando ai dati Ispra, questo piccolo comune campano ha differenziato il 94,4% dei rifiuti prodotti.

In Irpinia il capoluogo resta maglia nera con appena il 34% di differenziata, all’ultimo posto dopo Rotondi con appena il 21%. Bene invece il Mandamento ed il Vallo di Lauro (87% a Baiano, 81% a Marzano). In ogni caso la strada per raggiungere il livello dei comuni veneti è ancora molto lunga.

Qui per la mappa, cliccare su Avellino per le specifiche provincia per provincia: 

I colori variano dal rosso al verde a seconda di quanto sia più alta la percentuale di rifiuti differenziati nel corso dell’anno di riferimento. In alto a destra sono presenti due filtri: uno per le regioni e un altro per le provincie. Utilizzandoli è possibile “zoomare” sul territorio che si vuole analizzare. Posizionando il cursore del mouse sul territorio di un comune, o un dito per chi legge da mobile, una finestra pop-up indicherà il nome del comune in questione e la quota di raccolta differenziata raggiunta nel 2015.

di Renato Spiniello.