Rifiuti – Ferrero: “Si pensi a nuovo piano e a futuro operatori”

17 marzo 2010

Paolo Ferrero, candidato alla presidenza della Regione Campania e portavoce della Federazione della Sinistra, interviene in merito alla nuova ondata di emergenza rifiuti.
“Le vicende degli ultimi giorni non fanno altro che darci ragione sui dubbi mossi in passato e gettano discredito su quanti hanno troppo presto parlato di fine dell’emergenza rifiuti, grazie ad una campagna mediatica imponente.
Ora che l’immondizia è drammaticamente tornata ad invadere le strade di gran parte della Regione, i nodi sono venuti al pettine: è bastato un solo giorno di stop nella raccolta, per mettere in crisi l’intero sistema, facendo ripiombare nell’emergenza le province di Caserta e Napoli.
Ciò dimostra che la questione rifiuti non va risolta a valle, costruendo solo discariche ed inceneritori, ma a monte con un ciclo integrato e completo. È squallido assistere allo scaricabarile di queste ore, soprattutto da parte di chi di quelle decisioni è stato protagonista.
In questo momento la priorità deve riguardare il futuro dei lavoratori dei consorzi, per i quali si sta tentando di giungere ad un accordo per lo stipendio di questo mese; ciò che preoccupa è tuttavia la situazione debitoria delle loro aziende, ingigantitasi durante le gestioni commissariali a partire da quella di Bertolaso. Non possono essere i lavoratori ed i cittadini, attraverso l’aumento della Tarsu che il governo vuole attuare, a pagare la gestione scellerata dei commissari”.