Ricostruzione della Sinistra: l’Area Critica ne discute a Montella

28 luglio 2008

Con la fine del congresso di Rifondazione Comunista, che ha visto l’elezione di Paolo Ferrero a segretario nazionale, si è chiuso l’ennesimo capitolo di verifica per la sinistra.
“L’elezione dell’ex Ministro della solidarietà sociale – spiega Mario Guerriero di Sinistra Critica – non sposta nemmeno di un millimetro il nostro percorso politico al dì la delle previsioni di noti ‘politologi’ che ci vedono ormai inglobati dalla linea dura e pura di Ferrero. E’ bene ricordare ancora una volta che Sinistra Critica resta un movimento politico autonomo che continua nel suo lavoro per la ricostruzione della sinistra di classe in Italia e in Europa, e che con Rifondazione Comunista ci saranno senza ombra di dubbio unità d’intenti sull’opposizione al governo Berlusconi ma per ora nessuna unità. Questo non per settarismo o per supponenza ma perché prima di impegnarsi nella ricostruzione della sinistra è necessario fare una verifica seria e non una resa dei conti. Le immagini da Cianciano hanno mostrato un partito lacerato, diviso, che non ha parlato delle ragioni della sconfitta, che non ha fatto un’analisi politica di quel che è accaduto il 13 e 14 aprile, ma ha litigato per i posti nel comitato politico nazionale, ha litigato sulla leadership. Trattative notturne per costruire alleanze ‘contro’ e non alleanze ‘per’. Tutto indegno per la storia di Rifondazione Comunista. A sinistra c’è un grande spazio per la ricostruzione di un soggetto anticapitalista moderno, di lotta e di classe. Per questo ricominciamo a discutere in giro per la Provincia della necessità della sinistra e della nuova fase politica che si apre”. Il tour partirà domani da Montella alle ore 19.00 con un incontro nella sede di Sinistra Critica nel corso del quale sarà presentata anche la proposta di legge per il salario minimo intercategoriale.