Ricorso Ariano, per l’Ato domani il giorno della verità

7 giugno 2005

Per l’Ente D’Ambito Irpino, domani sarà il giorno del grande verdetto. Si saprà infatti, se il neo presidente dell’Ato Pasquale Giuditta potrà andare avanti oppure se si tratterà di mettere mano alla composizione del Cda. A stabilirlo sarà il Tribunale Amministrativo chiamato in causa dal primo cittadino Domenico Gambacorta, che in una nota ha spiegato passo dopo passo, la presunta illegittimità di un Consiglio d’Amministrazione che non rappresenta la città del Tricolle, unico comune superiore a 20 mila abitanti presente nel territorio ‘gestito’ dall’ente del Victor Hugo. “L’assemblea del 9 maggio scorso, – si leggeva nella nota giunta la settimana scorsa – ha opinatamente escluso Ariano procedendo in modo difforme dalle previsioni legislative e dalle procedure seguite dagli altri Ato, anche campani, con l’elezione palesemente illegittima di Merola e Bilotta”. Chiaramente se il Tar dovesse dare ragione al sindaco Gambacorta, non sarebbe valida nemmeno la elezione del presidente e del suo vice, venendo a mancare il numero legale. Una questione che non depone bene e che farebbe rimanere nell’empasse l’Ato di Giuditta. Se a questo poi si aggiunge il malessere della componente beneventana sempre più propensa ad andare avanti sulla strada della ‘secessione’, non è difficile tirare le somme. (di Teresa Lombardo)