Regione, Matera a La Repubblica: “L’attacco di Caldoro? E’ nervoso”

Regione, Matera a La Repubblica: “L’attacco di Caldoro? E’ nervoso”

19 febbraio 2016

“Caldoro è nervoso, certo. Lo capisco, ma l’assessorato all’UdC è il riconoscimento di un risultato elettorale nato dall’alleanza con De Luca. Un assessorato, del resto, lo ha anche Scelta civica e non capisco perché solo l’Udc doveva rimanere fuori dalla giunta della Regione Campania. L’attacco di Caldoro è strumentale, ma comprensibile. Non ha digerito la sconfitta di maggio. Lo capisco”.

Così Corrado Matera, 46 anni, avvocato di Teggiano (Salerno), neo assessore al Turismo della Giunta regionale della Campania intervista da Ottavio Lucarelli sulle pagine campane de La Repubblica.

L’assessore spiega: “La Campania ha le coste e le isole. È vero, ma anche colline, parchi e montagne. Ha Capri, Amalfi, il Vesuvio, Ischia ma, al tempo stesso, borghi medievali ancora intatti come la mia Teggiano, centri antichi di rara bellezza come Benevento, montagne come l’Irpinia, il Sannio, il Matese, i monti Picentini. E poi Pompei, Ercolano, Oplonti, la Reggia di Caserta, chiese palazzi, musei e i parchi di cui ho avuto esperienza diretta. Potrei continuare per ore. In realtà la sfida è mettere a sistema queste meraviglie coordinando l’offerta con la domanda che va sollecitata e invogliata “.