Regione, D’Ercole: “357 progetti poco innovativi: quale sviluppo?”

24 luglio 2008

Regione – “Sinceramente, e non per strumentalità, né pregiudizio e neanche partigianeria, ma faccio fatica ad immaginare quale sviluppo effettivo per la nostra Campania possa derivare dalla effettiva e completa realizzazione (ammesso che davvero ci si arrivi e non ci si fermi per strada, com’è avvenuto fin troppe volte, nella storia recente della nostra regione) dei 357 progetti approvati e presentati dalla Giunta Regionale”. Lo sottolinea il capo dell’opposizione in Consiglio Regionale, Francesco D’Ercole, dopo aver pazientemente scorso l’elenco delle iniziative inserite nel parco progetti Regionali, per la cui attuazione la Giunta ha stanziato 1miliardo di euro del fondo europeo di sviluppo regionale. “In realtà – continua – nella stragrande maggioranza si tratta di iniziative di rifacimenti di strade, di adeguamento e riqualificazione di percorsi pedonali cittadini, realizzazione di qualche sottopasso, di qualche adeguamento di rete d’illuminazione pubblica, di completamenti di impianti fognari, di qualche recupero strutturale, ecc. Niente, insomma, di particolarmente innovativo ed in grado di dare un impulso reale alla crescita socio-economico regionale. Siamo, insomma, al cospetto di un tentativo di dare un’accelerazione alla spesa dei fondi strutturali, ma che non ha alla base un disegno strategico complessivo”. “In realtà – aggiunge – questo pur legittimo e condivisibile desiderio, ha imposto il ricorso a singoli progetti presentati dalle varie amministrazioni locali, inseriti a suo tempo nel Paser, proprio perchè immediatamente cantierabili”. “Forse – conclude D’Ercole – produrranno un miglioramento della vivibilità, ma non potranno, proprio per questa loro disorganicità, produrre che livelli di sviluppo complessivi molto limitati” .