Regionali, Sena: “Un sito per spiegare la mia storia”

by 3 marzo 2005

di Teresa Lombardo – Un sito per spiegare la sua storia. E’ così che si presenta al suo elettorato il consigliere regionale Mario Sena in campo per le ormai prossime regionali. E’ l’esponente della Margherita a spiegare attraverso il sito web il suo percorso politico: nel 1970 a fianco alla Democrazia Cristiana percorre varie tappe fino alla nomina di segretario provinciale, ricoperta dal 1975 al 1980. Nel 1980 è eletto Consigliere regionale della Campania: ricopre la carica di presidente di commissione, assessore alla cultura e assessore alla sanità. Dal 1994 al 1999 è presidente dell’Asi (Consorzio per l’area di sviluppo industriale della provincia): si rende promotore dell’approvazione e finanziamento del contratto d’area della provincia di Avellino e di vari patti territoriali; della costruzione del Centro Servizi del polo conciario, del completamento degli impianti di depurazione, del decentramento delle industrie di Solofra dal centro storico alle aree adeguatamente attrezzate. Nel 1996 viene nominato vice-segretario regionale del PPI (Partito Popolare Italiano). E’ tra gli artefici del rovesciamento della giunta di centro-destra presieduta da Rastrelli e tra i fautori della rinnovata intesa di centro-sinistra. Nel 2000 di nuovo in corsa: confermato consigliere regionale. “Si è impegnato – si legge nel link biografia – nel creare un collegamento diretto ed efficace tra regione ed enti locali e ha fatto approvare tutta una serie di normative in diversi settori (bilancio, sanità e cultura). Nell’intento di creare sviluppo in Irpinia, ha indirizzato i suoi sforzi per far destinare maggiori risorse economiche a favore dei piccoli comuni (ex L.R. 51/78), per rinnovare il settore del trasporto pubblico e per porre fine ad una situazione di grande precariato che caratterizzava il settore foreste ed agricoltura. Si è fatto inoltre fautore delle istanze del mondo cattolico, promovendo leggi a sostegno delle attività delle parrocchie e per la destinazione di fondi alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle chiese (art. 39 della L.R. n. 15, del 27/07/02)”. Insomma un sito di tutto rispetto dove abbondano anche le foto che lo ritraggono con i big della politica: non poteva di certo mancare quella con il coordinatore regionale della Margherita Ciriaco De Mita.
l 2000 è nuovamente eletto Consigliere regionale ed è tra i pochi del suo partito a non ricoprire alcuna carica, mentre intensifica il suo impegno legislativo a sostegno dell’Irpinia, la sua terra, con la quale continua ad avere uno stretto legame.
Uomo dalle passioni forti, Mario Sena si divide tra famiglia e lavoro, senza dimenticare gli amici e i suoi elettori, ai quali non fa mai mancare presenza e disponibilità.
Il tempo libero lo trascorre in famiglia o dedicandosi alla cura del giardino di casa. Ama leggere quotidiani e saggi storico-politici, ascoltare musica jazz e apprezza la buona tavola.
Nell’attuale legislatura ha continuato a portare avanti con scrupolo le battaglie di sempre. In tal senso, si è impegnato nel creare un collegamento diretto ed efficace tra regione ed enti locali e ha fatto approvare tutta una serie di normative in diversi settori (bilancio, sanità e cultura). Nell’intento di creare sviluppo in Irpinia, ha indirizzato i suoi sforzi per far destinare maggiori risorse economiche a favore dei piccoli comuni (ex L.R. 51/78), per rinnovare il settore del trasporto pubblico e per porre fine ad una situazione di grande precariato che caratterizzava il settore foreste ed agricoltura. Si è fatto inoltre fautore delle istanze del mondo cattolico, promovendo leggi a sostegno delle attività delle parrocchie e per la destinazione di fondi alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle chiese (art. 39 della L.R. n. 15, del 27/07/02).


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.