Regionali, parla De Luca: “Ridicolo impedire voto a fine luglio”

29 maggio 2020

“Sulle elezioni regionali il governo ha assunto posizioni francamente irresponsabili”, dice il governatore Pd della Campania Vincenzo De Luca in una diretta Facebook. “La data la fissano le Regioni, non il governo che però intanto ha escluso la possibilità di votare prima di settembre. Nel frattempo – aggiunge – in Italia abbiamo aperto tutto: diventa francamente ridicolo impedire che si vada a votare da qui a due mesi”. De Luca ricorda che le Regioni al voto quest’anno hanno proposto come data per il voto l’ultima settimana di luglio.

“Quando il governo dice: ‘Apriamo le scuole e votiamo il 20 settembre’ sta prendendo in giro l’Italia”. Il governatore chiarisce che “chi non vuole andare a votare è l’opposizione: Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Movimento 5 Stelle. Sono irresponsabili, hanno paura e vogliono perdere tempo. Votare il 20 o il 27 settembre significa che il ballottaggio dei Comuni al voto avviene a metà ottobre, quando avremo l’epidemia influenzale e anche un ritorno di Covid come è prevedibile, una situazione sanitaria complicatissima. Finiamo per aprire l’anno scolastico a ottobre. Ad oggi nessuno ci ha dato una risposta da Paese serio”

Altro tema. “Quando abbiamo parlato di mobilità tra diverse regioni in Campania abbiamo fatto affidamento sul numero dei contagiati. Ed è ragionevole che se un territorio ha un altissimo numero di contagiati questo debba avere delle limitazioni per la mobilità dei cittadini”. “Non è una questione ideologica ma di merito – ha proseguito De Luca – Al momento il governo non ha dato nessun criterio oggettivo che consenta di attivare la mobilita tra le regioni. In ogni modo cercheremo di tutelare la situazione epidemiologica campana e di evitare la diffusione del contagio”.